Salute

Caldo, in Francia 700 morti all'inizio di luglio

Minore mortalità rispetto a ondate di calore del 2003 e del 2006

Roma, 17 lug. (AdnKronos Salute) - Sono stati circa 700 le morti in Francia attribuibili all'ondata di calore dell'inizio di luglio. E le vittime si sono contate soprattutto tra gli anziani. Sono i primi dati rivelati dal ministro della Sanità d'oltralpe, Marisol Touraine, proprio mentre il Paese affronta un altro periodo di afa. I numeri, presentati dallo stesso ministro alla stampa, estrapolati dalle anagrafi di mille Comuni, dovranno essere aggiornati con le cifre della seconda ondata di calore, tra il 6 e l'8 luglio.

Secondo l'istituto francese di sorveglianza sanitaria (InVs), tra il 29 giugno e il 5 luglio la stima dell'eccesso di mortalità è del 7% rispetto al numero atteso (in confronto con gli stessi periodi dell'anno senza episodi di canicola), in pratica 700 decessi in più soprattutto tra gli over 65. Numeri non eccessivi se paragonati al 2003, quando in Francia per l'ondata di calore la mortalità aumentò del 55%, con 15 mila decessi supplementari. O anche al 2006, quando si registrò un aumento del 9% e 2.100 morti in più.

Secondo il ministro, le diverse misure di prevenzione messe in atto hanno permesso di contenere l'impatto sanitario del caldo. "Tutti gli episodi di canicola - ha detto - si accompagnano necessariamente a un aumento di mortalità: le persone già malate divengono più fragili per il caldo estremo. Ma possiamo affermare che, rispetto al 2003, la popolazione e le istituzioni sono più preparate".

Sempre durante l'ondata di calore dell'inizio di luglio, le visite ai pronto soccorso sono aumentate di tre volte mentre le richieste ai medici dell'emergenza (Sos medecins, che fanno visite a domicilio 24 ore su 24 ) di dieci volte.

17 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us