Salute

Occhio alle borse per spesa riutilizzabili: sono un concentrato di batteri

Le preferiamo perché ci permettono di ridurre l'uso della plastica (e perché sono anche più comode). Però a lungo andare possono diventare un ricettacolo di germi e batteri.

Sempre più spesso, per fare la spesa, tendiamo a preferire le borse riutilizzabili: la nostra convinzione (legittima, tutto sommato) è che siano più ecologiche e ed economiche rispetto alle classiche borse di plastica da acquistare alla cassa (che oltretutto, finiscono spesso per rompersi ancora prima di uscire dal supermercato!). C'è un aspetto, però, sul quale dovremmo forse prestare più attenzione: la loro igiene. Le borse riutilizzabili, infatti, non sono autopulenti!

Non le puliamo mai! Alcuni ricercatori della University of Arizona e della Loma Linda University hanno intervistato un campione di clienti di generi alimentari, chiedendo se lavassero mai le loro shopping bag. Il 97% ha rivelato di farlo raramente o mai. Inoltre, tre quarti degli intervistati hanno ammesso di non utilizzare sacchetti separati per carni e verdure, e circa un terzo ha dichiarato di utilizzare le borse per generi diversi (alimenti, libri…).

Così, non sorprende che i ricercatori, testando 84 sacchetti, abbiano trovato enormi quantità di germi, fra cui batteri coliformi (dalla carne cruda) come il pericoloso E. coli, che si trovava nel 12% delle borse. Questo deriva anche dalla cattiva abitudine di collocare le shopping bag con la carne nel portabagagli dell’auto: il calore dell’abitacolo induce la proliferazione di batteri, che contaminano il tessuto delle borse. I livelli di batteri rinvenuti erano abbastanza elevati da causare seri problemi di salute.

12 agosto 2018 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us