Salute

L'uomo più alto del mondo non cresce più

Un intervento chirurgico ha bloccato a 2,51 metri di altezza la crescita di Sultan Kosen, detentore di numerosi record. Ma cosa scatena quella che, folklore a parte, è una vera e propria malattia?

Sultan Kosen, l'uomo più alto del mondo, non cresce più: la sua statura è stata bloccata chirurgicamente all'altezza di 2,51 metri da Jason Sheenan, medico dell'Università della Virginia.
Kosen, di origine turche e con un passato da cestista nel Galatasaray (anche se non ha mai giocato una partita), soffre di acromegalia, una patologia rara e invalidante provocata da un tumore della ghiandola pituitaria, o ipofisi. Le cellule tumorali spingono la ghiandola a secernere enormi quantità di ormone della crescita. Se questa condizione si verifica prima della pubertà, chi ne è affetto sviluppa il gigantismo: il suo corpo cioè non smette mai di crescere.
Questa malattia porta con sé una serie di gravi complicazioni soprattutto a carico dello scheletro, che non è progettato per raggiungere simili dimensioni. (Scopri le malattie più misteriose della storia)

Microintervento sul gigante

Nel 2010 Kosen si è rivolto al dottor Sheenan, che è intervenuto sul tumore con un bisturi a raggi gamma, uno strumento in grado di bombardare con radiazioni una zona molto ben delimitata dell'organismo, in questo caso una piccolissima area del cervello. La distruzione del tumore ha bloccato la sovrapproduzione di ormone della crescita, fermando così la malattia di Kosen.

Guinness? No, grazie

Grazie, o per colpa, dell'acromegalia contratta all'età di 10 anni, Sultan Kosen è entrato diverse volte nel Guinness dei Primati e non solo come uomo più alto del mondo, ma anche come uomo con il piede più grande (la misura delle sue scarpe è il 57) e con le mani più grandi (27,5 centimetri).
La sua vita comunque è stata tutt'altro che felice: a 29 anni Kosen ha passato 2/3 della propria esistenza a combattere con un mondo fatto per gente molto più piccola di lui. Dalla difficoltà nel trovare i vestiti e i mobili per la casa, ai mezzi di trasporto sempre troppo scomodi.

Non perderti la gallery dedicata ai record più pazzi del mondo.

21 marzo 2012 Franco Severo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us