Salute

I bambini orfani negli Usa: l’altra faccia della pandemia

Negli USA, sono decine di migliaia i bambini rimasti orfani a causa della pandemia da covid o delle sue conseguenze, in particolare tra le minoranze etniche.

Negli Stati Uniti, per ogni quattro decessi legati alla covid, un bambino ha perso un genitore o un tutore (spesso chiamato con il termine inglese caregiver) primario: è quanto emerge da uno studio pubblicato su Pediatrics, che ha evidenziato una grande disparità tra bianchi e minoranze etniche. Secondo i dati, raccolti tra aprile 2020 e giugno 2021, sono oltre 140.000 i minori di 18 anni che hanno perso un genitore o un adulto che provvedeva alla loro tutela. In totale, negli Stati Uniti, un bambino su 500 è diventato orfano (ovvero, secondo la definizione dell'UNICEF, ha perso uno o entrambi i genitori) o è rimasto senza il proprio tutore legale. «È importante pensare alle conseguenze di queste perdite, e comportarsi di conseguenza ora e nel futuro post-pandemia», sottolinea Susan Hillis, coordinatrice dello studio.

Questione di etnia. Prima di guardare in profondità ai dati, è importante sottolineare che lo studio non ha preso in considerazione solo le morti causate direttamente dalla covid, ma anche quelle dovute alle restrizioni imposte dalla pandemia, come la sospensione delle cure di routine o un minore accesso alle terapie per malati cronici. Detto ciò, è comunque emersa una notevole differenza tra le diverse etnie del Paese, già evidente guardando al conteggio dei morti per covid.

A pagare il prezzo maggiore sono stati i figli dei nativi americani, che hanno avuto 4,5 volte le probabilità di un coetaneo bianco di perdere un tutore o un genitore. Al secondo posto i neri americani (2,4 volte) e al terzo gli ispano americani (1,8 volte). Nonostante le minoranze etniche rappresentino, appunto, una minoranza della popolazione statunitense (il 39%), lo studio ha evidenziato che i figli di ispanici, nativi o neri, rappresentavano il 65% di tutti i bambini colpiti dalla perdita di un tutore o un genitore.

Pensare a chi rimane. I risultati di questa ricerca sono in linea con quanto rilevato da uno studio globale pubblicato su The Lancet a luglio scorso, secondo il quale nel mondo 1,5 milioni di bambini ha perso un caregiver primario o secondario nei primi 14 mesi di pandemia. «Spesso pensiamo all'impatto della covid in termini di numero di vite perse a causa della malattia, ma è importante anche occuparsi delle conseguenze più ampie, sia per chi se ne va sia per chi rimane», conclude Charles A. Nelson, uno degli autori dello studio pubblicato su Pediatrics.

21 ottobre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Da Suzy Solidor ad Alice Prin, da Luisa Casati a Dora Maar. Ambizioni, amori, talenti ed eccentricità delle donne che hanno ispirato i più grandi artisti del Novecento (e non solo). E ancora: dalle latrine romane al trono-gabinetto del Re Sole, la storia del bagno e dei nostri bisogni più intimi; i prìncipi secondogeniti che si sono ribellati alle leggi di successione, e ne hanno combinate di tutti i colori.

ABBONATI A 29,90€

Alla scoperta della pelle, l’organo più esteso del corpo che si rinnova in continuazione e definisce il nostro aspetto. E ancora: come funziona il nuovo farmaco per il tumore della mammella; le ultime meravigliose sorprese della Via Lattea; l'addestramento degli equipaggi degli elicotteri di salvataggio; dove sono le riserve maggiori di gas e con quali tecniche si estrae e distribuisce.

ABBONATI A 31,90€
Follow us