Salute

Aver cura dei denti protegge dalla demenza?

La perdita dei denti potrebbe precedere il declino cognitivo: un nuovo studio ha trovato un collegamento tra una cattiva salute orale e le demenze.

Un sorriso con pochi "buchi" potrebbe essere un buon punto di partenza per tenere alla larga lo spettro delle demenze. La perdita di denti in età avanzata parrebbe infatti essere collegata a una riduzione del volume cerebrale in un'area cruciale per la memoria e spesso intaccata da varie forme di demenza, inclusa la malattia di Alzheimer. Un nuovo studio pubblicato su npj Aging dà credito al legame, più volte ipotizzato, tra una corretta salute orale e un invecchiamento non patologico del cervello.

Strana accoppiata. Il collegamento tra salute cerebrale e orale potrebbe sembrare sfuggente, ma diversi studi finora hanno ipotizzato un possibile ruolo dei batteri responsabili di malattie gengivali negli eventi che scatenano i danni cerebrali tipici della malattia di Alzheimer. I problemi alle gengive sono anche una delle principali cause della perdita dei denti in età avanzata.

Il cervello dal dentista. Hiroyuki Nakamura e i colleghi dell'Università del Ryukyus, ad Okinawa (Giappone) hanno osservato la perdita di denti in oltre 900 persone giapponesi di 60 anni o più, di cui hanno anche analizzato il cervello in risonanza magnetica. Tra queste, 732 non mostravano segni di declino cognitivo, mentre le rimanenti avevano o una forma di demenza o un decadimento cognitivo lieve (Mild Cognitive Impairment, MCI), una sfumata difficoltà in uno o più domini cognitivi - come per esempio la memoria.

Pochi denti, alcuni problemi. In generale, e dopo aver tenuto conto di altri possibili fattori confondenti come età, genere o livello di istruzione, gli scienziati non hanno trovato associazioni tra perdita dei denti e declino cognitivo nell'intera popolazione studiata. Quando però si sono concentrati sulla sola popolazione sana, cioè su quei 732 soggetti che non mostravano segni di demenza o di MCI, hanno trovato che chi aveva meno di dieci denti residui mostrava in media un volume inferiore del 3,5% in un'area cerebrale chiamata giro paraippocampale rispetto a chi aveva ancora più di 24 denti. Quest'area cerebrale ha un ruolo importante nel recupero e nella codifica dei ricordi.

Le persone con meno denti mostravano anche un numero di lesioni superiore del 25% rispetto alle altre nella sostanza bianca, un insieme di fibre nervose che connettono le varie regioni del cervello. Questo tipo di alterazioni è di solito osservato nel cervello delle persone con demenza.

Il nodo alimentazione. Secondo Nakamura, ciò potrebbe significare che le persone con meno di dieci denti sono più a rischio di sviluppare demenza.

La stessa associazione non è stata trovata nei partecipanti con demenza o decadimento cognitivo lieve già diagnosticati, forse perché altri fattori più decisivi contribuiscono all'insorgere di queste condizioni, o per ragioni dovute al numero contenuto di partecipanti allo studio.

Lo studio ha anche trovato che la perdita di denti era associata a un ridotto consumo di cibi sani e ricchi di fibre vegetali e a un aumento di alimenti grassi e processati. Questi fattori potrebbero aver contribuito all'atrofia cerebrale osservata negli individui sani e potrebbero essere un fattore di rischio per una futura diagnosi di demenza.

5 aprile 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us