Salute

Aumenta l’uso degli antibiotici, e aumentano i batteri resistenti

Il consumo di antibiotici è quasi fuori controllo, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, mentre i batteri sono sempre più resistenti.

Un’analisi globale sull’uso degli antibiotici nel mondo ha svelato numeri preoccupanti e una situazione che potrebbe avere conseguenze sulla salute globale. Il Center for Disease Dynamics, Economics & Policy, l’università di Princeton, il Politecnico di Zurigo e l’università di Anversa (in Belgio) hanno raccolto i dati sull’utilizzo di molecole antibatteriche nel mondo, e hanno pubblicato un articolo su Proceedings of the national academy of sciences (PNAS, qui il riassunto in inglese).

Ricchezza e malattia. Lo studio mette in luce che l’uso degli antibiotici è aumentato del 39% dal 2000 al 2015 a livello mondiale: in particolare, sono aumentati da 11,3 a 15,7 le dosi di farmaco (per la precisione la dose definita giornaliera, DDD) consumate giornalmente ogni 1.000 abitanti. Il valore rappresenta la dose di mantenimento per giorno di terapia.

La maggior parte di questo aumento è da ascrivere ai Paesi a basso e medio reddito (da 800 a 3.200 dollari procapite l'anno), e in parte è dovuto all’aumento della popolazione. Al di là del fattore popolazione le cifre dicono che tra il 2000 e il 2015 in questi Paesi si è avuto un aumento reale del 77% per mille abitanti al giorno nell’utilizzo di questi farmaci.

In particolare, tra il 2000 e il 2015 il consumo degli antibiotici è aumentato del 103% in India, del 79% in Cina e del 65% in Pakistan.

Nello stesso periodo di tempo c’è stata invece una leggera diminuzione dell’uso di questi farmaci nei Paesi ad alto reddito.

La fine della medicina. Lo studio prende anche in considerazione le varie classi di antibiotici, rilevando in particolare un aumento del 56% del consumo di penicilline ad ampio spettro nei Paesi in via di sviluppo, e anche di quello di antibiotici come gli ossazolidoni, i carbapenemi e la colistina - definiti “da ultima spiaggia” e usati solo in ambienti controllati e per ceppi di batteri divenuti resistenti ai farmaci più comuni.

L’utilizzo eccessivo degli antibiotici per difendersi dalla malattie infettive hanno purtroppo aggravato il fenomeno della resistenza agli antibiotici (vedi) e della diffusione - in tutto il pianeta - di ceppi batterici che non soccombono più ai farmaci. Una situazione potenzialmente molto pericolosa, che potrebbe avere gravi conseguenze, tanto da indurre il punto di riferimento della sanità inglese, Sally Davies, ad affermare che questa potrebbe essere "la fine della medicina moderna".

Lo studio suggerisce però anche interventi per contrastare l’uso eccessivo, senza privare nessuno di questi farmaci salvavita.

Nell'illustrazione, un virus batteriofago mentre infetta un batterio, iniettando in esso il suo DNA. © Shutterstock

Nuove direzioni. Per uscire dal circolo vizioso della resistenza batterica, la medicina guarda a nuove classi di antibiotici e a strumenti nuovi, come i fagi.

La ricerca esplora insomma ogni possibile ambito: una delle ultime scoperte riguarda molecole della classe dei retinoidi, simili alla vitamina A (qui il link al riassunto, in inglese). Grazie ad alcuni test si è infatti scoperto che queste molecole uccidono non solo batteri come l'MRSA (lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina, uno dei batteri più letali), ma anche quelli che rimangono “dormienti” nel corpo di pazienti e degli ammalati di fibrosi cistica. Purtroppo queste sostanze per ora hanno un limite: non sono attive contro altri batteri, come quello della polmonite e della peste, ancora oggi presenti in molte regioni della Terra.

30 marzo 2018 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us