Salute

Asl di Firenze salva un cane investito e gli dà il nome di un personaggio Star Wars

Il meticcio si chiama 'Dart Fener', pieno recupero dopo traumi gravissimi

Roma, 27 mag. (AdnKronos Salute) - Lo hanno chiamato Dart Fener come il perfido personaggio di 'Guerre stellari', che nel film originale si chiama in realtà Darth Vader e prima di diventare cattivo, quand'era ancora un Jedi, Anakin Skywalker. Lo hanno chiamato Dart Fener perché per qualche giorno, dopo che lo hanno operato, a causa dei drenaggi nelle canne nasali, respirando emetteva un rantolo simile a quello che caratterizza il valoroso combattente che ha ceduto al Lato Oscuro della Forza nella saga di George Lucas. È un randagio che alcuni cittadini avevano segnalato da qualche giorno a San Casciano, in Toscana.

Si aggirava per strada, impaurito e fuggiasco, finché qualche giorno fa il Servizio di igiene urbana veterinaria dell'Azienda sanitaria di Firenze viene allertato perché il corpo di quel cane è sul ciglio di una strada, orrendamente ferito dall'urto con un'auto. Vanno a recuperarlo. Ha il muso spappolato. È di una magrezza notevole. E il trauma non gli consente di bere e mangiare in modo adeguato. È senza microchip.

Le condizioni sono critiche e Dart Fener viene ricoverato in una Clinica veterinaria che collabora al sistema di soccorso coordinato dalla Asl 10. I due veterinari - Giampiero Melpignano e Federico Manni - constatano che l'animale non ha lesioni interne, ma il trauma facciale è davvero serio, con frattura della mandibola, fratture mascellari, nasali e frontali, in un quadro di estrema debolezza. Il recupero dell'animale, senza interventi chirurgici complessi e costosi, appare impossibile. Ed essendo un cane non identificato, quindi senza un proprietario, i costi della custodia e della terapia chirurgica possono essere solo a carico del Comune.

In questi casi i termini del problema sono molto chiari, evidenzia la Asl di Firenze. Le alternative sono o l'eutanasia per l'estrema gravità delle lesioni, definibili con una buona dose di ipocrisia incurabili, oppure il ricovero in un canile, cercando di curarlo nel migliore dei modi, per quanto consentito dalla dotazione del canile. Tuttavia, un protocollo operativo prevede che dopo la valutazione clinico chirurgica e dopo i rilievi della Asl, con l'assenso del Comune, il cane possa essere ricoverato e sottoposto a intervento chirurgico da una equipe scelta in base alle esigenze del caso. Così viene deciso per qual bastardino ancora senza un nome.

Del resto un cane in quelle condizioni, se ce la fa a sopravvivere, difficilmente però poi può essere adottato ed è probabile che per molti anni resti in un canile con un costo notevole per la collettività. Nel caso di Dart Fener Asl, Comune, Ordine dei veterinari, insomma tutto il sistema, collaborano invece in sintonia, ottenendo un notevole risultato di efficacia e piena soddisfazione.

Dopo 20 giorni di degenza in clinica, il cane si è ripreso in maniera ottimale, con completa guarigione, guadagnandosi l'affetto di tutto il personale, che si è infine adoperato per trovare una buona adozione, evitando il trasferimento in canile. La soluzione è arrivata dopo circa un mese dall'investimento e dal recupero in strada.

Le attuali norme prevedono per il cittadino l'obbligo di chiamare soccorso nel caso in cui viene trovato un animale ferito, ma non è definito quale sia la struttura che deve dare risposta a questa chiamata. L'esperienza dell'Azienda sanitaria di Firenze, come riconosciuto anche da un recente report di Lega Ambiente, si pone come esperienza pilota, dimostrando come una struttura pubblica possa organizzare a costi contenuti, una risposta pienamente efficace.

27 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us