In Inghilterra: batteri fecali nei caffè ghiacciati delle grandi catene

Il caso della contaminazione accidentale di bibite con batteri fecali, in Inghilterra, deve servire agli affezionati dell'happy hour a essere più attenti.

shutterstock_588070091
Il ghiaccio può rivelarsi una pericolosa riserva di batteri.|Shutterstock

Il ghiaccio usato in tre popolari catene di caffetterie britanniche contiene preoccupanti quantità di batteri fecali: lo rivela un'inchiesta televisiva andata in onda su Watchdog, un programma della BBC dedicato ai consumatori. Raccontiamo così com'è la vicenda del "ghiaccio inglese" anche per dire che il ghiaccio, e le noccioline, le patatine e tutto ciò che fa da protagonista, per esempio, a un happy hour qualunque, di ognuno di noi e in ogni Paese, potrebbe non essere "bello" come sembra.

 

Sorvegliato speciale: il ghiaccio. Sette campioni su 10 di quello analizzato nella catena Costa e 3 su 10 di quello utilizzato da Starbucks e Caffè Nero - tre giganti della vendita di cappuccini e derivati - hanno registrato alti livelli di batteri coliformi, ossia patogeni opportunistici capaci di vivere e moltiplicarsi nell'intestino umano.

 

Batteri fecali, dunque. Come sono finiti nel ghiaccio? In quali quantità?

 

 

I controlli. La redazione della BBC si è rivolta agli esperti del Chartered Institute of Environmental Health (CIEH), un organismo impegnato nella tutela della salute ambientale. Le analisi hanno interessato 10 negozi per ogni catena, per un totale di 30 punti vendita. In tutti sono stati presi campioni di ghiaccio e tamponi da vassoi, tavoli e sgabelli. Ogni campione è stato poi trasferito in una piastra di Petri in laboratorio, con una gelatina che consente agli eventuali microbi di moltiplicarsi.

 

nessuna via di mezzo. Gli esperti hanno analizzato il numero totale di batteri, indipendentemente dalla specie, e quello dei batteri coliformi fecali, di provenienza intestinale. I risultati sono parsi da subito polarizzati: in alcuni campioni, cioè, sono stati trovati pochissimi batteri o nessuno, mentre in altri ne sono emersi più del previsto (oltre 300 a reperto).

 

Quanto pericolosi? Gran parte dei microbi fa parte dei patogeni opportunistici, cioè non dà necessariamente problemi di salute in un organismo sano, ma può crearne di gravi in persone immunodepresse. I sintomi più comuni sono vomito e diarrea, e in rari casi questi batteri possono causare infezioni alla pelle, agli occhi e alle vie respiratorie.

 

Come ci sono finiti? Il ghiaccio potrebbe essere stato toccato da mani sporche, oppure potrebbero esserci delle falle nella pulizia e nella manutenzione delle macchine che lo producono. L'acqua del rubinetto, nel Regno Unito, è ben controllata (il livello massimo di batteri consentito è di 10 per millilitro), ma è bene sapere che il congelamento non sterilizza i cubetti: i microbi sopravvivono, anche se sono temporaneamente incapaci di moltiplicarsi.

 

Non solo caffè. Il problema riguarda anche gli affezionati dell'happy hour: il ghiaccio finisce regolarmente nei drink, ma anche noccioline, patatine e altri cibi da bancone sono sottoposti a contaminazione da varie mani, raramente pulite (e spesso di ritorno dalla toilette).

 

04 Luglio 2017 | Elisabetta Intini