Salute

Gli antidepressivi aiutano i batteri a resistere agli antibiotici?

La resistenza agli antibiotici può essere indotta anche da altri farmaci? Gli antidepressivi sembrano allenare i meccanismi di difesa dei batteri.

La resistenza dei batteri agli antibiotici – nel 2019, causa diretta di 1,27 milioni di decessi nel mondo, più di quelli provocati da AIDS o malaria – è attribuita in genere all'uso improprio degli antibiotici in ambito medico-ospedaliero e negli allevamenti animali. Ma può essere che anche altri medicinali contribuiscano a rendere i batteri praticamente imbattibili? Uno studio pubblicato su PNAS si concentra proprio su altri insospettabili alleati dei superbatteri: gli antidepressivi.

Un gruppo di scienziati dell'Università del Queensland (a Brisbane, in Australia) si è accorto che, dopo alcuni giorni di esposizione ad antidepressivi, colture di batteri in laboratorio sviluppano resistenza non a una sola, ma a diverse classi di antibiotici. Una scoperta sorprendente e inquietante, dato che gli antidepressivi sono tra i farmaci più prescritti al mondo.

I primi sospetti. Il team guidato da Jianhua Guo ha iniziato a ipotizzare i possibili effetti di questi farmaci nel 2014, dopo aver osservato che i geni che rendono i batteri resistenti agli antibiotici sono più diffusi nelle acque di scarico domestico che in quelle degli ospedali, dove gli antibiotici sono molto più usati.

Come spiegato su Nature, Guo aveva inoltre constatato che certi antidepressivi ostacolano la crescita dei batteri, innescando un meccanismo di difesa cellulare - una sorta di "SOS" - che mette i batteri sul "chi va là" e li rende più abili a sopravvivere a un successivo trattamento antibiotico.

Il prozac li fa forti. Nel 2018, il gruppo di ricerca aveva scoperto che il batterio Escherichia coli (che fa parte del normale microbiota intestinale ma che in alcuni ceppi può provocare infezioni di diversa gravità) sviluppa resistenza a diversi tipi di antibiotici dopo essere stato esposto alla fluoxetina (meglio nota come Prozac), un comune farmaco antidepressivo.

Lo studio appena uscito ha cercato di capire come reagisca l'E. coli dopo il contatto con altri 5 antidepressivi - se possa cioè sviluppare resistenza rispetto a 13 antibiotici di 6 diverse classi.

I risultati. In colture batteriche tenute in normali condizioni di ossigenazione, il contatto con gli antidepressivi ha provocato stress ossidativo con la produzione di specie reattive dell'ossigeno: molecole tossiche che hanno scatenato meccanismi di difesa nei batteri, incluso un sistema di espulsione con il quale i superbatteri sono in grado di allontanare le molecole di antibiotico.

In questo modo i batteri E. coli riuscivano a respingere gli antibiotici anche senza aver necessariamente sviluppato geni che conferiscono maggiore resistenza.

Scambi vantaggiosi. Tuttavia l'esposizione agli antibiotici ha anche aumentato la capacità dei batteri di mutare e dunque di sviluppare geni specifici per l'antibiotico-resistenza. Inoltre almeno un antidepressivo la sertralina ha favorito il passaggio di questi geni tra un batterio e l'altro (e quindi la loro diffusione nell'intera coltura) e può facilitare il trasferimento di scudi antibatterici anche tra specie diverse di patogeni.

Fortunatamente nei batteri che crescono in condizioni anaerobiche, ossia in assenza di ossigeno, come gli E. coli dell'intestino umano, questi processi sembrano avvenire più lentamente.

Ai ripari. Lo studio di certo non intende puntare il dito contro gli antidepressivi, che sono farmaci salvavita e necessari: curare la depressione rimane un'esigenza più impellente rispetto a prevenire la resistenza agli antibiotici. Piuttosto vuole evidenziare che molti farmaci che non prendono direttamente di mira i batteri possono avere effetti indesiderati sulla loro capacità di difesa, potenziandoli.

Si tratterà ora di capire quali molecole nello specifico abbiano questa capacità, e in che misura questi medicinali siano in grado di alterare i batteri intestinali delle persone che li assumono, nonché quelli presenti nell'ambiente.

2 febbraio 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us