Salute

Anomalia riscontrata anche in Medvedev e altri alti funzionari russi

La teoria in uno studio, eredità di addestramento Kgb ma potrebbe essere scambiata per spia di Parkinson

Milano, 15 dic. (AdnKronos Salute) - Quando cammina il suo braccio destro non oscilla come l'altro, è più statico. Un segno distintivo che caratterizza la strana camminata di Vladimir Putin. Il presidente della Federazione Russa è finito sotto la lente di un team di neurologi dei Paesi Bassi, che si sono chiesti se il suo 'incedere' asimmetrico potesse essere una spia di Parkinson precoce. La conclusione, dopo aver analizzato un'ampia rassegna di video, è che si potrebbe trattare dell''andatura del pistolero', retaggio di disciplina militare e addestramenti giovanili nel Kgb.

Gli esperti guidati da Bas Bloem, professore di Neurologia del Radboud University Medical Centre, in uno studio pubblicato sul numero natalizio del 'British Medical Journal', hanno allargato il raggio d'indagine anche al primo ministro Dmitry Medvedev e ad altri alti ufficiali russi, ed è lì che è arrivata l'illuminazione: l'incedere asimmetrico era una caratteristica molto comune. E a meno che non fossero tutti in una fase di malattia precoce, spiegano i ricercatori, doveva esserci un'altra spiegazione. A innescare la ricerca degli scienziati, tutti esperti di disturbi del movimento, sono stati proprio i video su Youtube che riprendevano la camminata del presidente Putin in diverse occasioni e mostravano, spiegano gli autori, una chiara riduzione nell'oscillazione del braccio destro.

A caccia di una pista, gli esperti si sono imbattuti in un vecchio manuale di addestramento del Kgb, che dava istruzioni su come gli agenti operativi dovevano muoversi sul campo: "Quando ci si sposta - era l'indicazione - è assolutamente necessario mantenere l'arma contro il petto o nella mano destra. E si dovrebbe camminare con un lato, di solito il sinistro, lievemente ruotato nella direzione del movimento".

I ricercatori si sono chiesti se questo elemento potesse spiegare l'andatura di Putin, visto che era noto che aveva ricevuto una formazione Kgb in passato. Da qui prende corpo l'ipotesi di un 'portamento da pistolero'. Sarebbe ragionevole - si sono detti gli esperti - aspettarsi una simile camminata anomala anche in altri funzionari russi, che potrebbero aver ricevuto istruzioni simili durante l'addestramento all'uso delle armi nel Kgb o per opera di altre agenzie di intelligence o ambienti militari.

Scatta la ricerca di altre immagini, con risultati "sorprendenti": oltre a Putin anche Medvedev, due ex ministri della Difesa (Anatoly Serdyukov, e Sergei Ivanov) e Anatoly Sidorov, un comandante militare di alto rango, mostravano la 'stile da pistolero'. Lo stesso che - argomentano gli scienziati - accomuna per esempio anche i cowboy del 'selvaggio West', immortalati nei film con la stessa oscillazione ridotta del braccio.

Invece di interpretare questo modello di andatura come patologico, "sentiamo che ci può essere un'altra, più plausibile, spiegazione - scrivono gli autori - Un adattamento comportamentale derivante da istruzioni militari o di intelligence. Proponiamo questo nuovo schema che ribattezziamo 'andatura del pistolero', e che potrebbe essere sollecitato da forme di addestramento che educano gli allievi a mantenere la mano destra vicino al petto mentre camminano. Una posizione che consenta loro di sfoderare rapidamente una pistola di fronte a un nemico. Questa considerazione dovrebbe essere inclusa nella diagnosi differenziale sulla riduzione unilaterale dell'oscillazione di un braccio", concludono.

15 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us