Salute

Animali: tartarughe marine a rischio per inquinamento da plastica

Tutte e 7 le specie sono danneggiate dai materiali abbandonati nelle acque

Milano, 9 ott. (AdnKronos Salute) - A rischio tutte e 7 le specie di tartarughe marine per l'inquinamento provocato dalla plastica. E' quanto emerge da una nuova revisione condotta dall'università di Exeter (Gb), in collaborazione con Plymouth Marine Laboratory (Gb), North Carolina State University (Usa), Duke University Marine Lab (Usa) e James Cook University (Australia), e pubblicata su 'Ices Journal of Marine Science'. "Sono rimasta scioccata del poco che sappiamo sull'impatto della plastica sulle tartarughe marine - afferma Sarah Nelms del Centre for Ecology and Conservation all'università di Exeter - Sappiamo che questo materiale è una grave minaccia per la fauna selvatica, ma questo studio dimostra che servono urgentemente più ricerche se vogliamo davvero comprendere la portata del problema".

La produzione annuale globale di plastica è cresciuta da 1,5 milioni di tonnellate a 299 mln negli ultimi 65 anni e di conseguenza è aumentato anche l'inquinamento da plastica, sia sulla terra sia nei mari. "Quando le tartarughe ingeriscono plastica, possono soffrire di blocchi intestinali che possono provocare malnutrizione che a sua volta può portare a cattive condizioni di salute, tassi di crescita ridotti, capacità riproduttiva più bassa e anche la morte - racconta Brendan Godley, che ha guidato il team - E' deludente pensare che quasi ogni pezzo di plastica che sia mai entrato nel mare è ancora lì. Una minestra di microplastiche che potrebbe avere ripercussioni spaventose a lungo termine".

Attrezzi da pesca persi o imballaggi scartati possono causare lacerazioni mentre gli animali nuotano e possono farli annegare o morire di fame. I rifiuti sulla spiaggia possono invece intrappolare i piccoli. Lo studio dimostra che è necessaria un'azione urgente per capire meglio la questione e gli effetti sulla tartarughe marine, in modo che possano essere sviluppate politiche di mitigazione appropriate ed efficaci, sottolineano gli esperti. I ricercatori richiedono inoltre un ulteriore lavoro per studiare gli effetti dell'ingestione della plastica e della contaminazione da sostanze chimiche associate al materiale.

9 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us