Salute

Animali: orsetto Knut morì per rara malattia autoimmunitaria

Abbandonato dalla madre fu adottato dallo zoo di Berlino e diventò una star mondiale

Berlino, 27 ago. (AdnKronos Salute/Dpa) - Bianco, morbido e amatissimo, ma con un destino crudele. Knut, l'orso polare divenuto una celebrità in tutto il mondo e poi misteriosamente deceduto all'età di 4 anni allo zoo di Berlino, nel 2011, è morto a causa di una rara malattia autoimmune. A rivelarlo è un neuroscienziato tedesco, Harald Pruess.

Knut, che era stato rifiutato dalla madre e allevato per mano di un guardiano dello zoo, aveva raggiunto il 'successo' nel 2007 grazie alle sue buffe peripezie da cucciolo. Undici milioni di persone hanno poi visitato lo zoo per vederlo e altrettanti lo seguivano sul web. Knut è poi cresciuto e la sua popolarità è andata scemando, fin quando è arrivata, inaspettata, la sua morte.

Ebbene, Pruess ha assicurato che Knut è stato annientato da un'encefalite del recettore anti-Nmda, una malattia che colpisce soprattutto i bambini e le donne e che è stata scoperta solo da una decina di anni. Grazie al caso di Knut, ora gli scienziati sanno che può colpire anche gli animali.

Era già nei sospetti degli studiosi che l'orso fosse morto per una forma di encefalite, quando è stato trovato morto nella sua piscina, una mattina, ma altri pensavano che fosse stata una malattia virale o batterica. Ma secondo Pruess il motivo sono stati anticorpi 'impazziti', che hanno innescato una crisi epilettica, facendolo cadere in acqua e, purtroppo, annegare. Pruess e i suoi colleghi hanno pubblicato i risultati ottenuti dallo studio del cervello di Knut, sulla rivista statunitense 'Scientific Reports'.

27 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us