Salute

Animali: #metticiltuomuso, petizione contro pet in vetrina come oggetti

Roma, 12 apr. (AdnKronos Salute) - Una petizione con hashtag #metticiltuomuso su Change.org, affinché i nostri amici animali non vengano più esposti nelle vetrine dei negozi. A lanciarla Tessa Gelisio, presidente di ForPlanet Onlus, con il patrocinio della Lega nazionale per la difesa del cane.

Nonostante i tanti passi avanti fatti nella tutela degli animali domestici - come la modifica dell'articolo 514 del Codice di Procedura civile che vieta il pignoramento degli animali da affezione, ottenuta grazie a un'altra petizione lanciata lo scorso anno - all'atto pratico la legge italiana, almeno a livello nazionale, continua a considerare gli animali da compagnia come 'cose'. Per la legge italiana, infatti - dicono i promotori dell'iniziativa - un cane o un gatto possono essere tranquillamente esposti nelle vetrine dei negozi specializzati, o venduti piccolissimi, come un qualunque altro bene commerciale, non tenendo in nessun conto il fatto che si parla di esseri viventi e non di oggetti. In alcune Regioni e Comuni esiste già una normativa che vieta l'esposizione degli animali d'affezione, ma moltissime, forse la maggioranza, sono ancora i luoghi dove questo avviene.

Ecco allora l'idea di lanciare la nuova petizione sulla piattaforma online Change.org, #metticiltuomuso. Obiettivo: chiedere al Governo, e in particolar modo ai ministri Galletti, Lorenzin e Orlando, di non considerare più gli animali domestici come semplici oggetti, ma di modificare la legge quadro 281/91 sulla tutela degli animali d'affezione, introducendo un nuovo comma per vietare di esporre gli animali d'affezione nelle vetrine degli esercizi commerciali o all'esterno degli stessi. Inoltre, nella petizione si richiede anche che venga previsto il divieto di vendita di cani e gatti di età inferiore ai 2 mesi.

12 aprile 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us