Salute

Animali: l'ipotesi, istinto della caccia 'cancellato' da geni gatto domestico

Roma, 14 giu. (AdnKronos Salute) - I tempi in cui il felino di casa omaggiava i proprietari con le carcasse di uccellini e roditori potrebbero essere agli sgoccioli. Secondo uno scienziato della Bristol University, infatti, presto i gatti potrebbero essere modificati geneticamente per rimuovere dal loro Dna l'istinto del cacciatore, dal momento che i moderni proprietari non amano questa primitiva usanza. E non hanno più bisogno dei gatti per eliminare i topi. Secondo il veterinario John Bradshaw la propensione alla caccia nel gatto è determinata da appena 15-20 geni, che - una volta identificati - potrebbero essere 'silenziati' per rendere gli animali più tranquilli, come ha detto l'esperto al Cheltenham Science Festival.

Nell'era del politicamente corretto molte persone non amano ricevere cadaverini in omaggio dal felino di casa. Oggi poi, accanto ai felini pigri, ci sono molti gatti che cacciano ma non mangiano le prede, dal momento che preferiscono il sapore del cibo offerto dal proprio padrone. Insomma, presto "dovremo selezionare gatti che non cacciano". Una provocazione forse da parte dell'autore di 'Cat Sense', ma pur ammettendo che questa operazione comporterebbe togliere una parte della sua essenza al gatto, l'esperto si dice convinto "che ciò sia inevitabile", parlando al 'Telegraph'. Un'impresa non impossibile, dal momento che l'intero genoma del gatto è stato già mappato.

14 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 29,90€
Follow us