Salute

Animali: 'Il viaggio del condannato', centinaia di migliaia verso la Turchia

Un dossier di mille pagine documenta le irregolarità nel trasporto dall'Ue

Roma, 24 feb. (AdnKronos Salute) - Centinaia di migliaia di animali, più precisamente 900 mila pecore, 850 mila bovini e 5.000 capre, sono stati trasportati dall'Ue in Turchia fra il 2010 e il 2015. Destinati al macello, all'ingrasso e alla produzione di latte. E per il 2016 l'Unione europea prevede che questi numeri cresceranno ulteriormente. Animal Welfare Foundation (Germania), Tierschutzbund Zürich (Svizzera), Eyes on Animals (Olanda) e Compassion in World Farming hanno effettuato ispezioni al confine turco di Kapikule: sono stati controllati 352 camion con animali, di cui 247 (il 70%) violavano uno o più punti del regolamento europeo. I risultati dell'indagine durata 5 anni sono riassunti in un dossier di 1.000 pagine dal titolo 'Il viaggio del condannato', che racconta di trasporti in "orribili condizioni che portano a grave disidratazione, stress, lesioni e spesso anche la morte" degli animali.

"Non si tratta di eventi casuali relativi a singole aziende di trasporto, ma di violazioni sistematiche. Nessuno dei 13 Stati membri dell'Ue da cui provengono gli animali ha i dati in regola", osserva Lesley Moffat, ispettrice di Eyes on Animals. "La nostra investigazione, realizzata in 5 anni, prova che non è stata adottata nessuna misura concreta per creare un'infrastruttura per tale commercio. Per esempio, non ci sono stalli per scaricare e nutrire gli animali. Dopo aver attraversato il confine, l'Ue non è più competente per il controllo dei carichi di animali e per il sanzionamento di coloro che violano la normativa in caso di infrazioni. L'Ue resta in disparte come se fosse completamente impotente, ma in realtà potrebbe fermare questo commercio".

Iris Baumgärtner, ispettrice di Tsb-Awf, denuncia "violazioni dei tempi di guida, piani di viaggio irrealistici, dichiarazioni false sulle pause per il riposo, temperature estreme, mancanza di riserve d'acqua e cibo, sovraccarico di animali, spazio insufficiente per il capo degli animali, lettiere mancanti e conducenti non formati sono all'origine di questi trasporti della tortura. Feriti, morenti, malati e partorienti questi animali sono lasciati al loro destino. Gli animali morti spesso rimangono a bordo dei camion fino a destinazione".

Nel 2015 la Corte di giustizia europea ha stabilito che il regolamento europeo per il trasporto è valido e deve essere rispettato dai camion con animali vivi dal luogo di partenza fino al luogo di destinazione, anche se quest'ultimo si trova in un Paese non europeo.

"L'esportazione di animali vivi oltre i confini europei non è soltanto una violazione sistematica del regolamento europeo sul trasporto 1/2005, ma anche dell'articolo 13 del Trattato di Lisbona, secondo il quale i requisiti del benessere degli animali in quanto esseri senzienti devono essere tenuti pienamente in conto", evidenzia Baumgärtner.

In conclusione, le associazioni chiedono "la fine dei trasporti di animali vivi dall'Ue verso la Turchia".

Per l'Italia nel 2015, dei 6 carichi ispezionati durante l'indagine tutti infrangevano il regolamento per diversi motivi. "Come Ciwf Italia chiediamo al Governo del nostro Paese che si schieri in sede europea per la fine di questo barbaro commercio. Gli animali italiani esportati in Turchia sono ancora 'pochi', ma sempre troppi. I cittadini possono unirsi alla nostra richiesta firmando una petizione sul nostro sito", sottolinea Annamaria Pisapia, direttrice di Ciwf Italia Onlus.

24 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us