Salute

Animali: il canto dei delfini, mamme fischiano a bebè ancora nel 'pancione'

Fischio personalizzato come una sorta di nomignolo

Roma, 11 ago. (AdnKronos Salute) - Sorprendenti delfini. Le future mamme cantano ai loro piccoli nel 'pancione'. Non solo. Prima della nascita e subito dopo, emettono dei fischi personalizzati rivolti ai nascituri, una sorta di nomignolo affettuoso. Lo hanno scoperto ricercatori del Laboratorio che studia il comportamento dei mammiferi marini all'Università del Southern Mississippi. "Potrebbe essere parte del processo di imprinting", afferma Audra Ames, che ha coordinato lo studio, a 'Live Science'.

L'equipe, che ha presentato i risultati al congresso dell'American Psychological Association, ha analizzato circa 80 ore di registrazioni audio fatte in una vasca del Six flags Discovery Kingdom di Vallejo, California. E' la 'casa' di un branco di delfini, fra cui una femmina di 9 anni che era incinta durante l'esperimento e che ha poi dato alla luce un cucciolo battezzato Mira.

Ebbene, hanno scoperto i ricercatori, l'animale durante la gravidanza produceva un fischio nuovo, che si è intensificato all'avvicinarsi della nascita per poi affievolirsi nei mesi successivi. Contemporaneamente gli altri delfini della comunità erano più silenziosi, secondo l'equipe per evitare di confondere il cucciolo e assicurarsi che il suo imprinting non avvenisse con il fischio sbagliato. E' noto che i delfini riescono a chiamarsi per nome, appunto attraverso i fischi e attribuendo a ogni esemplare un fischio specifico. Questo particolare richiamo scoperto ora dai ricercatori, potrebbe essere il nomignolo affettuoso con cui la mamma si rivolge al suo cucciolo ancor prima di vederlo nascere.

11 agosto 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us