Salute

Animali: i panda giganti non sono più in via di estinzione

Ma rimangono 'vulnerabili'

Pechino, 5 set. (AdnKronos Salute/Dpa) - I panda non sono più a rischio di estinzione, ma rimangono "vulnerabili". Lo ha stabilito l'Iucn (International Union for the Conservation of Nature), l'organismo che gestisce la 'lista rossa' delle specie a rischio di scomparire, secondo quanto comunicato ieri dal World Conservation Congress delle Hawaii, negli Usa.

Per più di 20 anni i panda hanno simboleggiato tutte le specie in via di estinzione, anche se il loro numero è aumentato grazie agli sforzi di conservazione delle foreste da parte di Pechino. "Il piano del governo cinese per espandere la politica di conservazione esistente per la specie è un passo positivo e deve essere fortemente sostenuto al fine di garantire la sua effettiva attuazione", spiega l'Iucn, i cui ultimi dati parlano di 1.846 panda giganti adulti, che arriverebbero a 2.060 con i cuccioli.

L'ottimo risultato potrebbe però avere breve termine: secondo l'ente, nei prossimi 80 anni i cambiamenti climatici potrebbero infatti cancellare più di un terzo delle zone dove cresce il bambù, cibo fondamentale per l'alimentazione dei panda. "Per proteggere questa animale simbolo è fondamentale che continuino misure efficaci per la protezione delle foreste", si legge nel rapporto.

Brutte notizie invece per i gorilla orientali, la cui popolazione è stata cancellata per il 70% dal bracconaggio nella Repubblica democratica del Congo. Del più grande primate del mondo ne rimangono in vita solo 5.000 esemplari, che stati spostati dalla lista 'endangered' a 'critically endangered', ossia a solo un passo dall'estinzione in natura.

A fargli compagnia il gorilla occidentale, l'orango del Borneo e l'orangotango di Sumatra. Le altre due specie di grandi scimmie, scimpanzé e bonobo, sono ancora nella lista 'endangered'.

5 settembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us