Salute

Animali: controllare emozioni aiuta i cani a ottenere prestazioni migliori

Studio austriaco, nella risoluzione di problemi fisici il controllo inibitorio ha un ruolo centrale

Milano, 11 feb. (AdnKronos Salute) - La capacità di reprimere e regolare le risposte emotive e di attenzione per il tempo necessario a prendere una decisione potrebbe essere un'indicazione dell'abilità dei cani a risolvere un problema, sostiene uno studio austriaco pubblicato su 'Plos One' da un gruppo dell'università di medicina veterinaria di Vienna. Gli scienziati ritengono che il controllo inibitorio dei cani potrebbe giocare un ruolo nelle differenze individuali della risoluzione di problemi fisici.

A un gruppo di circa 40 Border collie sono stati assegnate 3 tipi diversi di allenamento, e sono stati testati una serie di compiti di controllo inibitorio - come per esempio aspettare prima di addentare un biscotto - e valutazioni cognitive per un periodo di 18 mesi. I ricercatori hanno scoperto che le differenze riscontrate in precedenti esperienze legate agli oggetti non spiegano la variabilità delle prestazioni di problem solving. A seconda del compito cognitivo, il controllo inibitorio ha invece avuto un effetto positivo o negativo sulle prestazioni, ed è risultato essere tra i migliori predittori di performance individuale nelle diverse abilità.

Gli autori ritengono che i cani probabilmente non trasferiscono le conoscenze delle regole fisiche da un compito a un altro, ma piuttosto si avvicinano a ogni situazione come se fosse un nuovo problema. Gli scienziati suggeriscono che studiando l'interazione tra controllo inibitorio e prestazioni nel problem solving si possa dare un importante contributo alla comprensione delle differenze individuali e delle singole specie nella risoluzione di problemi fisici.

11 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us