Salute

Animali: ai cavalli basta una foto per 'leggere' le emozioni umane

Studio Gb, studiata reazione degli animali davanti a immagini con visi arrabbiati o felici

Milano, 10 feb. (AdnKronos Salute) - Per capire se una persona è arrabbiata, a un cavallo basta una fotografia. E' quanto hanno scoperto alcuni psicologi inglesi che hanno sottoposto a 28 destrieri le immagini di uomini che non avevano mai visto prima, con espressioni felici o infuriate. Gli animali hanno dimostrato di saper leggere le emozioni partendo dal viso. I mammiferi hanno guardato le foto di persone arrabbiate con l'occhio sinistro, comportamento associato con la percezione di uno stimolo negativo. Inoltre, la loro frequenza cardiaca è aumenta più velocemente e hanno dimostrato di essere sotto pressione.

Secondo lo studio, pubblicato su 'Biology Letters', questa risposta indica che i cavalli capiscono se stanno guardando volti arrabbiati. L'effetto delle espressioni facciali sul battito cardiaco non era mai stato osservato prima nelle interazioni tra animali ed esseri umani. "Quello che è davvero interessante è che il lavoro mostra come i cavalli siano in grado di leggere le emozioni al di là delle barriere tra le specie - spiega Amy Smith dell'università del Sussex, coautrice dello studio - Da molto tempo sappiamo che questi animali sono sofisticati socialmente, ma questa è la prima volta che vediamo che sono in grado di distinguere tra espressioni facciali positive e negative".

"La reazione alle espressioni arrabbiate è particolarmente evidente - continua l'esperta - C'è stato un veloce aumento della loro frequenza cardiaca e i cavalli hanno mosso la testa in modo da vedere l'immagine con l'occhio sinistro". Molte specie guardano infatti gli eventi negativi con questa parte del corpo, perché la specializzazione dell'emisfero destro - quello dove viene inviato lo stimolo - è processare stimoli minacciosi. Questa tendenza è stata documentata anche nei cani.

I cavalli hanno inoltre risposto in modo più marcato alle espressioni facciali negative. L'ipotesi degli psicologi britannici è che sia "particolarmente importante per gli animali riconoscere le minacce nel loro ambiente. In questo contesto, individuare facce arrabbiate potrebbe agire come sistema d'allarme, permettendo agli animali di anticipare un comportamento negativo da parte dell'uomo come un trattamento rude".

"Ci sono diverse possibili spiegazioni per i nostri risultati - osserva Karen McComb, coautrice dello studio - I cavalli possono aver adattato la loro capacità ancestrale per la lettura di segnali emotivi in ​​altri cavalli per rispondere adeguatamente alle espressioni facciali umane. Oppure, i singoli cavalli possono avere imparato a interpretare le espressioni umane durante il loro ciclo di vita".

"L'aspetto interessante - continua l'esperta - è che la valutazione accurata di un'emozione negativa è possibile attraverso la barriera della specie, nonostante la marcata differenza nella morfologia del viso tra i cavalli e gli esseri umani.

E' probabile che la consapevolezza emotiva sia molto importante nelle specie altamente sociali come i cavalli, e la nostra ricerca in questo momento è focalizzata proprio a esaminare la relazione tra una serie di competenze emotive e il comportamento sociale".

10 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us