Salute

Andare a letto con le galline

Uno dei sistemi per proteggersi delle punture delle zanzare della malaria è ospitare polli in camera da letto.

Le zanzare che trasmettono la malaria, quelle del genere Anopheles, si nutrono del sangue di numerose specie, dalle mucche alle capre alle pecore. Il loro bersaglio preferito è però sempre l’uomo, di cui usano il sangue per produrre le uova della generazione successiva.

Alcuni ricercatori dell'università svedese di scienze agricole e dell’università di Addis Abeba, in Etiopia, hanno però scoperto che gli insetti (in particolare quelli della specie Anopheles arabiensis, uno dei vettori più importanti in Africa del Nord) evitano accuratamente di posarsi e succhiare il sangue delle galline.

La scoperta è sorprendente, perché si pensava che le zanzare fossero pungitori indiscriminati. Il fatto che evitino gli uccelli (o almeno i polli), suggerisce quindi che sappiano distinguere, probabilmente dall’odore, la specie che hanno a tiro di pungiglione.

Aroma di pollo. Gli studiosi hanno anche effettuato alcuni esperimenti, descritti nella rivista Malaria Journal, per determinare quali potessero essere i composti delle galline che respingono le zanzare. Hanno quindi estratto alcune molecole presenti solo nelle penne dei polli e le hanno messe accanto a un volontario privo di protezione (come la reticella antizanzara).

Hanno così constatato che attorno alle persone “protette” dai polli c’erano meno zanzare che accanto a quelle non circondate dai composti estratti dalle penne. Insieme ad altri metodi di controllo, come le reti da collocare sopra il letto, gli scienziati propongono di usare queste molecole per aumentare la protezione dalla malaria nelle zone in cui questa è presente.

Salute ed evoluzione. Nella stessa rivista, l’articolo di un altro gruppo di ricerca, della Durham University (North Carolina), affronta il problema dal punto di vista della preparazione degli operatori e di tutti coloro che sono coinvolti nella lotta alla malaria. E suggerisce di applicare a questa impresa anche un approccio definito di medicina evolutiva.

Sia il vettore (la zanzara) sia il parassita (le varie specie di plasmodio) non sono infatti immutabili nel tempo, anzi, si modificano secondo i principi della teoria dell’evoluzione di Darwin. Cambiamenti provocati anche dai nostri tentativi di combatterli, come accade per esempio alle zanzare che diventano resistenti agli insetticidi.

Insegnare agli operatori e agli interessati (politici e donatori di fondi compresi) ad applicare i concetti darwiniani potrebbe aiutare ad affrontare le nuove sfide della lotta alla malaria e ad altre malattie come zika, specie quelle portate dai cambiamenti ambientali.

28 luglio 2016 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us