Salute

Ambiente: studio, Usa rischia 69 mila morti l'anno per cambiamenti clima

Washington, 23 giu. (AdnKronos Salute/Dpa) - Se non verranno intraprese iniziative mirate contro i cambiamenti climatici, negli Stati Uniti ci saranno conseguenze disastrose in termini di vite. Lo ha dichiarato l'Agenzia di protezione ambientale (Epa), che ha calcolato che nel Paese entro il 2100 potrebbero essere in media 69 mila all'anno le vittime dei cambiamenti del clima. Secondo il rapporto pubblicato oggi dall'agenzia federale, a uccidere potrebbero essere soprattutto inquinamento atmosferico ed elevate temperature: le vittime dei due fattori, in 49 città prese in esame, sarebbero rispettivamente 57 mila e 12 mila.

Non solo previsioni. Per evitare le morti e i danni all'economia, ha avvertito l'Epa, la via maestra è quella di ridurre le emissioni di anidride carbonica e degli altri gas nocivi. Fenomeni che, denuncia l'organismo, spesso non hanno innescato alcuna contromisura, nonostante i problemi legati al cambiamento climatico affliggano con particolare intensità alcuni Stati. Caso esemplare è quello della California, messa a dura prova da incendi e siccità. Ma, si legge ancora nel rapporto, a rischio è anche la costa sudorientale, minacciata da temperature altissime, forti precipitazioni e innalzamento del livello dell'Oceano Atlantico. Per danni che potrebbero raggiungere quasi 5 miliardi di dollari, ha stimato l'Epa.

Sul fronte della lotta ai cambiamenti climatici, l'impegno dell'amministrazione Obama è stato quello di ridurre i livelli delle emissioni di anidride carbonica. Un passo importante che però, hanno sottolineato gli esperti, si scontra con i timori di probabili ripercussioni negative che queste misure potrebbero avere in ambito economico. Così, al Congresso, i lavori per la creazione delle misure anti-inquinamento sono fermi. E la paura è che, con il cambio di governo alle porte, il cammino rischia di bloccarsi definitivamente e cambiare corso.

23 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us