Salute

Ambiente: gas serra, cibo primo responsabile, più dei trasporti

Roma, 18 feb. (AdnKronos Salute) - L'impatto maggiore sull'ambiente deriva da quello che mettiamo ogni giorno nel piatto. Se consideriamo solo le emissioni di gas serra, è il cibo a dare il contributo maggiore al cambiamento climatico, con il 31% del totale, superando il riscaldamento (23,6%) e i trasporti (18,5%). E' la fotografia scattata dal Barilla Center for Food & Nutrition (Fondazione Bcfn), che ha lanciato oggi la seconda edizione di 'Eating Planet. Cibo e sostenibilità: costruire il nostro futuro'. Un libro per raccogliere e raccontare riflessioni, sfide e proposte concrete per raggiungere un sistema sostenibile per la salute dell'uomo e del pianeta. Un percorso che passa dall'Expo appena concluso, agli ambiziosi obiettivi fissati nella Conferenza di Parigi Cop21, per affrontare i 3 grandi paradossi dell'attuale sistema agroalimentare.

In merito all'impatto ambientale, particolarmente rilevante è il consumo di carne, responsabile del 12% delle emissioni totali, mentre i prodotti lattiero-caseari contribuiscono per il 5%. Inoltre, dal 1990 a oggi, le emissioni di gas serra derivanti dall'agricoltura sono aumentate del 20% e raddoppiate dal 1960. Le nostre scelte alimentari hanno dunque un ruolo fondamentale nella salvaguardia del nostro pianeta. Ecco allora che secondo la Fondazione Bcfn, l'adozione della doppia piramide alimentare e ambientale, un modello che promuove la dieta mediterranea e ne dimostra i benefici per la salute dell'uomo e dell'ambiente, diventa uno dei primi passi da compiere in cammino per la salvaguardia del pianeta e della salute.

Infatti, se da un lato l'ultimo rapporto Istat parla di un'Italia che, anche grazie alla dieta mediterranea, vanta gli abitanti più longevi e magri d'Europa, il nostro Paese rischia di veder cambiare la situazione a causa di un progressivo distacco da questo modello alimentare, soprattutto da parte delle generazioni più giovani. Oggi, infatti, quasi 2 adolescenti su 10 hanno un peso in eccesso, con uno dei tassi più alti in Europa di bambini in sovrappeso e obesi, mentre i giovani e gli adulti che fanno sport sono sempre meno (solo 3 su 10). Se uniamo questi due elementi (vita sedentaria e abitudini alimentari mutate, con una predilezione per un regime dietetico ricco di proteine animali e grassi) e li proiettiamo in un quadro futuro, appaiono inevitabili possibili ricadute anche sul tasso di incidenza di malattie con conseguenze come diabete (un nuovo caso ogni 5 secondi), patologie cardiache (prima causa di morte al mondo con 20 milioni di decessi nel 2015) e patologie croniche (responsabili del 60% dei decessi a livello globale).

"A 4 anni dalla prima edizione abbiamo voluto aggiornare Eating Planet per raccogliere i contributi scientifici più rilevanti, raccontare come sta avanzando il percorso intrapreso dal Bcfn e proporre soluzioni concrete ai grandi temi legati a cibo e nutrizione", dichiara Guido Barilla, presidente della Fondazione Bcfn.

Secondo Barilla "le previsioni future, evidenziate anche dagli Obiettivi di Sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, sono molto sfidanti e la strada da fare è ancora lunga. Molte persone pensano che il nostro impatto ambientale dipenda in primis da fattori come le macchine che guidiamo o da come riscaldiamo le nostre case. In realtà la cosa più importante, il modo in cui ciascuno di noi ha l'impatto più forte sull'ambiente, è quello che mangiamo".

In questo senso, conclude Barilla, "l'adozione di una dieta sostenibile può diventare un vero e proprio volano di cambiamento per salvaguardare la nostra salute e il pianeta in cui viviamo".

18 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us