Salute

Ambiente: clima e salute, riscaldamento globale non ridurrà morti d'inverno

Roma, 19 giu. (AdnKronos Salute) - Delusione per chi sperava che il riscaldamento globale avesse almeno l'effetto positivo di ridurre le morti legate al freddo in inverno. Uno studio condotto da ricercatori della Mailman School of Public Health della Columbia University demolisce, infatti, l'ipotesi che il riscaldamento globale porterà ad una sostanziale diminuzione del numero di morti in inverno. I risultati della ricerca diretta da Patrick Kinney della Columbia University dimostrano che il riscaldamento globale si è tradotto finora in una riduzione molto limitata della mortalità legata al freddo.

"Alcuni studiosi per anni hanno sostenuto che gli inverni più caldi a causa del cambiamento climatico porteranno a forti riduzioni dei decessi invernali. Il nostro lavoro suggerisce che questo è altamente improbabile", ha detto Kinney. La maggioranza degli anziani che muoiono in inverno, oltretutto, non perde la vita a causa del freddo, ma delle complicanze legate all'influenza e ad altre malattie respiratorie. "E sfortunatamente anche le vacanze invernali giocano un ruolo: le riunioni in famiglia favoriscono il contatto con i patogeni che i bambini hanno preso a scuola".

Per stabilire se, e in che misura, le temperature fredde influenzano la mortalità invernale, il team ha analizzato i dati relativi a temperatura e mortalità di 36 città degli Stati Uniti più Parigi, Lione e Marsiglia in Francia. I tassi di mortalità sono stati osservati per il periodo 1971-2007. I risultati hanno dimostrato che le città con gli inverni più caldi hanno tassi di mortalità invernale simili a quelle più fredde. La mancanza di correlazione tra le differenze di temperatura in inverno e l'eccesso di mortalità suggerisce che altri fattori siano responsabili di queste morti: tra i sospettati la mancanza di esercizio fisico e il tempo prolungato trascorso in casa, che può portare ad un aumento del rischio di influenza e altre infezioni respiratorie e delle complicanze.

19 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us