Salute

Alzheimer, un nuovo marcatore monitora la progressione della malattia

Un tipo di proteina tau nel liquido cerebrospinale rivela a che punto è l'avanzamento dell'Alzheimer, e potrebbe aiutare negli studi di farmaci.

Il cervello colpito dall'Alzheimer subisce due tipi di pressioni: quella esercitata dagli accumuli di proteina beta-amiloide, una sostanza di scarto "appiccicosa" che gradualmente forma delle placche al di fuori dei neuroni, e quella dovuta agli aggregati di un'altra proteina, la tau, all'interno delle cellule nervose.

Entrambi i fattori sono neurotossici, cioè determinano la morte delle cellule cerebrali, ma se la beta amiloide è associata alle prime fasi della malattia, la tau subentra in modo più massiccio nella fase più avanzata del declino cognitivo. Finora non esisteva un modo "facile" di misurare la quantità di tau nei pazienti con Alzheimer. Uno studio pubblicato su Nature Medicine ha fatto un importante passo avanti.

Marcatore fedele. Un gruppo di scienziati delle Università di Washington a St. Louis e dell'Università di Lund, in Svezia, ha individuato un tipo di proteina tau facilmente rintracciabile nel liquido cerebrospinale (che permea il sistema nervoso centrale), capace di tracciare la progressione della malattia.

I livelli di questa proteina sembrano infatti andare a braccetto sia con gli aggregati di tau nel cervello, sia con l'aumentare dei sintomi di declino cognitivo tipici dell'Alzheimer.

Lo studio. Questa specifica forma di tau si chiama MTBR-tau243: il team ne ha misurati i livelli nel liquido cerebrospinale prelevato da 667 volontari tra Svezia e Usa che avevano partecipato a studi nazionali sulla malattia di Alzheimer.

Il gruppo di persone con un'età media di 71 anni includeva pazienti sani e pazienti affetti da Alzheimer in fasi diverse della malattia: alcuni con placche amiloidi nel cervello ma senza ancora sintomi cognitivi, altri con aggregati estesi di amiloide e tau e una diagnosi certa di demenza.

Un altro sistema di misura. I ricercatori hanno confrontato le funzioni cognitive dei pazienti con i livelli di varie forme di tau nel fluido cerebrospinale e di amiloide e tau nel cervello. Quelli di MTBR-tau243 nel liquido cerebrospinale sono risultati fortemente correlati sia con la quantità di tau presente nel cervello sia con il deterioramento delle funzioni cognitive.

Si tratta di una scoperta importante perché finora, il metodo standard per la misura della tau nei pazienti era la tau PET (PET sta per tomografia a emissione di positroni), una tecnica di imaging cerebrale molto costosa e presente solo in strutture specializzate. 

Diagnosi (e ricerca) più facili. In futuro, misurando i livelli di MTBR-tau243 con un semplice - seppur invasivo - prelievo spinale si potrà capire a che fase della malattia sono arrivati i pazienti, come progredisce la demenza e, si spera, monitorare l'efficacia dei farmaci di ultima generazione in fase di studio contro l'Alzheimer, che prendono di mira proprio la tau.

Combinando l'analisi delle quantità di due forme di tau - la MTBR-tau243 e la tau fosforilata - è inoltre possibile prevedere le funzioni cognitive quasi con la stessa efficacia di una tau PET.

14 luglio 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us