Salute

Alzheimer: le lamentele sulla memoria non vanno prese sotto gamba

La percezione di un declino della memoria (lamentata dai pazienti o dai loro familiari) è legata ad alterazioni tipiche dell'Alzheimer nel cervello.

La percezione di un recente peggioramento della memoria, sia che arrivi da se stessi sia che sia riferita da un altro familiare, non è da sottovalutare: potrebbe infatti essere un campanello d'allarme precoce dell'insorgenza di una demenza di tipo Alzheimer. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Neurology, le persone che riportano per la prima volta un declino cognitivo o che hanno un convivente che l'ha notato a sua volta avrebbero più spesso livelli anomali di grovigli di proteina tau nel cervello, accumuli caratteristici della malattia di Alzheimer.

Un utile segnale. I capricci della memoria possono avere diverse origini e non sono da considerare di per sé un fatto allarmante. Allo stesso tempo, tuttavia, non andrebbero liquidati come una semplice lamentela senza prima essersi rivolti al proprio medico curante. Questi primi sospetti di problemi della memoria potrebbero infatti essere sfruttati per diagnosticare l'Alzheimer ancora in una fase precoce, quando il sostegno farmacologico è più utile ed efficace nel contrastare i sintomi della malattia.

ingorghi in eccesso. Un gruppo di neuroscienziati guidati da Rebecca E. Amariglio della Harvard Medical School di Boston ha coinvolto 675 adulti di età media di 72 anni che non avevano avuto ancora una diagnosi formale di declino cognitivo attraverso test di valutazione neuropsicologica. I partecipanti sono stati sottoposti a scansioni cerebrali per individuare nei loro cervelli la presenza di placche di proteina beta-amiloide, accumuli neurotossici caratteristici dell'Alzheimer. Il 60% dei pazienti aveva elevati livelli di amiloide nel cervello, era cioè a rischio di sviluppare una demenza di tipo Alzheimer, anche se in quel momento non riscontrava difficoltà cognitiva. 

Facciamo il punto. Prima di conoscere la quantità di amiloide presente nel proprio cervello, i partecipanti hanno compilato un questionario per valutare il declino cognitivo soggettivo, cioè la percezione soggettiva di un peggioramento delle proprie abilità cognitive. Il test, che è stato sottoposto anche ai loro partner o ad altri conviventi, includeva domande come: Rispetto a un anno fa, pensi che la tua memoria abbia subito un declino sostenziale?, o, rispetto a un anno fa, hai più difficoltà nella gestione del denaro?.

Un'altra cruciale proteina. I ricercatori hanno anche riesaminato le scansioni cerebrali per riscontrare i livelli di grovigli di proteina tau nel cervello dei partecipanti. Anche la presenza di queste aggregazioni è un fattore di rischio per l'Alzheimer, e la tau è presente in quantità maggiori nelle persone che hanno anche elevate quantità di placche amiloidi sulle cellule nervose.

Un legame c'è. Ebbene, i partecipanti che avevano riportato maggiori lamentele sulla propria memoria, o che ne avevano ricevute dai conviventi, sono risultati avere livelli più alti di grovigli di proteina tau nel cervello. L'associazione tra le due cose è risultata ancora più evidente in chi aveva elevati livelli di placche amiloidi.

«I nostri risultati suggeriscono che chiedere agli anziani che hanno biomarcatori elevati dell'Alzheimer informazioni sul declino cognitivo soggettivo può essere utile per la diagnosi precoce», conclude Amariglio. Un limite della ricerca è che la maggior parte dei partecipanti erano bianchi e con alti livelli di istruzione alle spalle. I prossimi studi in questa direzione dovranno guardare a un campione più rappresentativo della popolazione reale.

3 giugno 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us