Salute

Alzheimer: e se fosse una malattia autoimmune?

Nella Giornata mondiale dell'Alzheimer alcune nuove ipotesi sulle cause della più comune forma di demenza, contro la quale non c'è ancora una cura.

Il 21 settembre di ogni anno, nella Giornata mondiale dell'Alzheimer, si ha come l'impressione di ricominciare da capo: mentre 55 milioni di pazienti attendono, con le loro famiglie, una possibile terapia contro la malattia del secolo, la ricerca di farmaci e spiegazioni rimane a un binario morto.

L'ipotesi più accreditata degli ultimi 15 anni, che vedeva negli accumuli di proteina beta-amiloide sui neuroni la principale causa della malattia, potrebbe essere stata frutto di una manipolazione e non ha comunque portato a trattamenti efficaci. Anche il tanto decantato aducanumab, il farmaco approvato negli USA nel 2021 che elimina le placche amiloidi, non sembra dare benefici di sorta a dispetto dei rischi per chi l'assume.

Ipotesi autoimmune. Ben vengano allora le ipotesi fuori dal coro, che provano a spiegare la malattia in altro modo. E se per ipotesi l'Alzheimer non fosse una malattia del cervello, ma una malattia del sistema immunitario all'interno del cervello? L'idea proposta dagli scienziati del Krembil Brain Institute di Toronto (Canada) parte dal considerare la beta-amiloide non una proteina prodotta in condizioni anomale (ossia patologiche), bensì una molecola normalmente presente nel cervello come parte del sistema immunitario.

Se sopraggiungono un trauma o un'infezione batterica, la beta amiloide è pronta a giocare in difesa. Ma - questa l'ipotesi riassunta anche su The Conversation - a questo punto si verifica una specie di equivoco. Il rivestimento lipidico dei batteri somiglia a quello delle cellule nervose. La beta amiloide non distingue tra le due diverse membrane e prende di mira l'obiettivo sbagliato: non i batteri invasori ma i neuroni che avrebbe dovuto proteggere.

La ricerca di cure. I neuroni soffocati dalle placche amiloidi perdono funzionalità e questa progressiva moria di cellule ha come effetti il declino cognitivo e gli altri sintomi su comportamento, umore e personalità tipici della malattia di Alzheimer. Visto in questa chiave, l'autosabotaggio della beta-amiloide somiglia a una reazione autoimmune come se ne vedono in altre malattie causate da autoanticorpi impazziti.

Per ora i farmaci impiegati contro patologie autoimmuni note, come l'artrite reumatoide, non si sono dimostrati efficaci contro l'Alzheimer. Ma continuando a cercare in questa direzione (andando cioè a caccia di regolatori della risposta immunitaria) si potrebbe un giorno intravedere una strada. L'ipotesi, dettagliata lo scorso aprile sulla rivista dell'Alzheimer's Association, non è l'unica idea un po' "fresca" sulle cause della malattia.

Nel cuore delle cellule. Oltre alla teoria della malattia autoimmune - in passato avanzata anche per un'altra malattia neurodegenerativa: il Parkinson - un'altra ipotesi parecchio originale emersa di recente vuole che l'Alzheimer sia una malattia dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule (incluse quelle cerebrali), che convertono ossigeno e glucosio in energia.

In base a uno studio appena pubblicato su Molecular Psychiatry, una mutazione di un gene da poco scoperto nei mitocondri sarebbe associata a un rischio del 20-50% più alto di sviluppare la malattia di Alzheimer. Il gene in questione regola la produzione di una piccola proteina - chiamata SHMOOSE - che se è presente la mutazione viene inattivata. Poiché la mutazione "incriminata" si ritrova in circa un quarto della popolazione di origine europea, la scoperta potrebbe rappresentare un'aggiunta importante ai (finora pochi) fattori di rischio genetico noti dell'Alzheimer.

21 settembre 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us