Salute

Allergie: si può prevedere come andrà la prossima stagione?

Uno studio mette le basi per un metodo di previsione delle concentrazioni di polline nell'aria, di anno in anno, e perciò dell'intensità delle allergie.

Che le allergie stagionali stiano peggiorando di anno in anno è ormai un fatto assodato: il principale colpevole dell'arrivo anticipato e della persistenza di starnuti, irritazioni e occhi congestionati sarebbe il cambiamento climatico che, con l'aumento delle temperature e della concentrazione di CO2 nell'aria, influisce sul rilascio dei pollini da parte di piante e alberi. Ma è possibile sapere quanto intensa sarà la prossima stagione, così da prepararsi per tempo?

Prevenire è meglio che curare. Secondo uno studio pubblicato su Science, sì: grazie a un nuovo approccio basato su due diversi modelli di previsione, i ricercatori sono riusciti a stimare in che modo la stagione delle allergie potrebbe cambiare nei prossimi anni nei Paesi dell'Europa nord-occidentale. Ne è emerso che l'intensità delle allergie potrebbe aumentare considerevolmente a causa dei cambiamenti climatici, arrivando a toccare quota +60% se la quantità di CO2 nell'atmosfera arrivasse a 800 parti per milione (ora siamo a oltre 400 ppm).

"Queste previsioni potrebbero essere utili per i pazienti allergici e per l'intero settore sanitario", si legge nello studio. A lungo andare, spiegano i ricercatori, i cambiamenti climatici faranno aumentare le concentrazioni di polline nell'aria e allungheranno la stagione delle allergie, facendo crescere il numero di persone sensibili ai pollini.

Una ragione di più. A meno che l'umanità non fallisca miseramente nel porre un freno alle emissioni di anidride carbonica, sarà (fortunatamente) improbabile raggiungere quota 800 ppm. Tuttavia, la correlazione tra emissioni di CO2 e aumento di pollini rimane, e ci dà un motivo un più (se ce n'era bisogno) per impegnarci ulteriormente a ridurre le emissioni inquinanti e proteggere il nostro Pianeta.

13 aprile 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us