Salute

Allergie: si può prevedere come andrà la prossima stagione?

Uno studio mette le basi per un metodo di previsione delle concentrazioni di polline nell'aria, di anno in anno, e perciò dell'intensità delle allergie.

Che le allergie stagionali stiano peggiorando di anno in anno è ormai un fatto assodato: il principale colpevole dell'arrivo anticipato e della persistenza di starnuti, irritazioni e occhi congestionati sarebbe il cambiamento climatico che, con l'aumento delle temperature e della concentrazione di CO2 nell'aria, influisce sul rilascio dei pollini da parte di piante e alberi. Ma è possibile sapere quanto intensa sarà la prossima stagione, così da prepararsi per tempo?

Prevenire è meglio che curare. Secondo uno studio pubblicato su Science, sì: grazie a un nuovo approccio basato su due diversi modelli di previsione, i ricercatori sono riusciti a stimare in che modo la stagione delle allergie potrebbe cambiare nei prossimi anni nei Paesi dell'Europa nord-occidentale. Ne è emerso che l'intensità delle allergie potrebbe aumentare considerevolmente a causa dei cambiamenti climatici, arrivando a toccare quota +60% se la quantità di CO2 nell'atmosfera arrivasse a 800 parti per milione (ora siamo a oltre 400 ppm).

"Queste previsioni potrebbero essere utili per i pazienti allergici e per l'intero settore sanitario", si legge nello studio. A lungo andare, spiegano i ricercatori, i cambiamenti climatici faranno aumentare le concentrazioni di polline nell'aria e allungheranno la stagione delle allergie, facendo crescere il numero di persone sensibili ai pollini.

Una ragione di più. A meno che l'umanità non fallisca miseramente nel porre un freno alle emissioni di anidride carbonica, sarà (fortunatamente) improbabile raggiungere quota 800 ppm. Tuttavia, la correlazione tra emissioni di CO2 e aumento di pollini rimane, e ci dà un motivo un più (se ce n'era bisogno) per impegnarci ulteriormente a ridurre le emissioni inquinanti e proteggere il nostro Pianeta.

13 aprile 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us