Salute

Alimenti: ricercatrice, la pasta ideale è al dente e condita all'italiana

Iacoviello, in Usa demonizzata a torto per anni, ecco perché la nostra ricerca in America fa discutere

Roma, 6 giu. (AdnKronos Salute) - Negli ultimi anni "è stata demonizzata, in particolare negli Stati Uniti, a vantaggio di regimi alimentari proteici. Ma la nostra ricerca dimostra che quella della pasta era una cattiva reputazione priva di fondamento". Ad analizzare con l'AdnKronos Salute i risultati dello studio condotto dal Dipartimento di Epidemiologia dell'Irccs Neuromed di Pozzilli - secondo cui il consumo di pasta è in realtà associato a una riduzione dell'obesità - è Licia Iacoviello, capo del Laboratorio di Epidemiologia molecolare e nutrizionale del Neuromed. Che spiega: "Il nostro studio ci dice che" spaghetti e rigatoni "non fanno ingrassare, se consumati con moderazione e nello stile mediterraneo". Inoltre, aggiunge, "la pasta ideale è al dente e con condimenti come pomodoro, olio extravergine, pesce e verdure".

"Questo perché - sottolinea la ricercatrice - la pasta al dente, come emerge da altri studi in letteratura, ha un minor indice glicemico; la pasta lunga come gli spaghetti ne ha uno leggermente migliore di quella corta, e i sughi tipici italiani abbinano correttamente ai carboidrati vegetali e pesce". Non è un caso, secondo l'esperta, che i risultati stiano "facendo molto discutere in Usa. Ci hanno chiamato dalla Cnn, dal Washington Post e da altre testate. Questo, appunto, perché negli anni la pasta era stata a torto demonizzata, si è fatta molta confusione tra carboidrati semplici e complessi, e non si è tenuto conto di elementi importanti, come la quantità".

La ricerca, pubblicata su 'Nutrition and Diabetes', ha preso in esame oltre 23.000 persone. "Abbiamo sottoposto tutte queste persone a un questionario standardizzato - precisa Iacoviello - e i nostri dati mostrano che mangiare pasta si traduce in un più salutare indice di massa corporea, una minore circonferenza addominale e un miglior rapporto vita-fianchi".

Ma quanta mangiarne? "Nello studio la frequenza media era di 22 volte al mese, dunque quasi ogni giorno. Per piatti da 60 grammi al dì, 70 per gli uomini e 50 per le donne. Quello che emerge dallo studio - sintetizza ancora la ricercatrice - è che questo alimento va mangiato in modo proporzionato al fabbisogno calorico. Insomma, c'è chi lo elimina completamente dai suoi pasti, ma questo non è un atteggiamento corretto".

Quanto al momento ideale per concedersi un piatto di pasta, per Iacoviello "si tratta il pranzo. E questo non sulla base della nostra ricerca, ma della letteratura disponibile. Infatti quella dei carboidrati è un'energia prontamente disponibile, e a pranzo può essere 'bruciata' facilmente per le attività quotidiane". Altro consiglio della studiosa: "Seguire una dieta sana, varia e di tipo mediterraneo, consumando anche pasta integrale".

E la ricercatrice che ha 'riabilitato' la pasta cosa porta in tavola? "Sono molto attenta da questo punto di vista - confessa - praticamente vegetariana, mangio molte verdure, pesce e pasta tutti i giorni. Non potrei farne a meno". Lo studio è stato parzialmente supportato da Barilla Spa.

6 luglio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us