Salute

Alimenti: Iss, olio palma non nocivo ma rischi da alto contenuto grassi saturi

Più vulnerabili bambini, anziani, obesi e malati

Roma, 25 feb. (AdnKronos Salute) - L'olio di palma non è nocivo di per sé, né ha componenti specifiche in grado di provocare effetti negativi sulla salute. Tuttavia l'alto contenuto di grassi saturi di questo alimento è legato ai noti rischi cardiovascolari, in caso di consumi elevati. Questo, in sintesi, il parere dell'Istituto superiore di Sanità pubblicato oggi sul sito del ministero della Salute.

"Si tratta di un alimento, e pertanto non può essere definito 'tossico', ciò che fa la differenza è quanto se ne mangia", precisa all'Adnkronos Salute Marco Silano, direttore del reparto Alimentazione e salute dell'Iss che sottolinea la crescita nell'impiego di questo ingrediente da parte dell'industria alimentare. "Il dato di importazione è fortemente aumentato. Ed è una buona misura per capire quanto sia cresciuto l'uso di olio di palma". Per quanto riguarda gli effetti sulla salute "non c'è nessun problema - continua Silano - se si fa una dieta varia ed equilibrata, seguendo di stili di vita sani. Ma bisogna avere particolare attenzione per alcune categorie di persone più a rischio per il consumo di grassi saturi: forti consumatori di prodotti industriali, obesi, cardiopatici, dislipidemici, anziani e bambini".

Le linee guida internazionali, ricorda l'esperto, raccomandano di mantenere l'assunzione di grassi saturi al di sotto del 10% delle calorie giornaliere. "La nostra analisi indica che i bambini tra i 3 e i 10 anni consumano 20 grammi di questi grassi da alimenti non trasformati (latte, uova, carne) e tra i 4 e i 7 grammi da alimenti industriali, per una percentuale complessiva del 12% delle calorie giornaliere. Mentre gli adulti arrivano all'11, 2%. Questo indica che è necessario ridurre per raggiungere i livelli di consumo accettabili, soprattutto nei bambini", aggiunge l'esperto che evidenzia la disomogeneità della fascia d'età studiata.

"Siamo consapevoli che a 3-10 anni i bambini sono consumatori differenti (i più grandi già 'scelgono', i più piccoli dipendono dai genitori) purtroppo, al momento, i dati di consumo disponibili sono solo questi, ma sarebbe utile avere un quadro più dettagliato, anche in relazione al consumo di merende industriali".

"L'olio di palma - si legge nelle conclusioni del parere dell'Iss - rappresenta una rilevante fonte di acidi grassi saturi, cui le evidenze scientifiche attribuiscono - quando in eccesso nella dieta - effetti negativi sulla salute, in particolare rispetto al rischio di patologie cardiovascolari. Oltre a quelli contenuti nell'olio di palma aggiunto agli alimenti durante la trasformazione industriale, acidi grassi saturi vengono assunti attraverso il consumo di molti alimenti non trasformati che li contengono naturalmente, come latte e derivati, uova e carne".

Nel parere si precisa che "non ci sono evidenze dirette nella letteratura scientifica che l'olio di palma, come fonte di acidi grassi saturi, abbia un effetto diverso sul rischio cardiovascolare rispetto agli altri grassi con simile composizione percentuale di grassi saturi e mono/polinsaturi, quali, ad esempio, il burro. Il minor effetto di altri grassi vegetali, come ad esempio l'olio di girasole, nel modificare l'assetto lipidico plasmatico è dovuto al minor apporto di acidi grassi saturi e al contemporaneo maggior apporto di polinsaturi. A ulteriore riprova che gli effetti sulla salute dell'olio di palma sono legati alla sua composizione in acidi grassi, si osserva che il suo consumo non è correlato all'aumento di fattori di rischio per malattie cardiovascolari" in persone con peso e colesterolo nella norma, giovani e "che assumano contemporaneamente le quantità adeguate di polinsaturi".

Per le stesse ragioni sono più vulnerabili le "fasce di popolazione quali bambini, anziani, dislipidemici, obesi, pazienti con pregressi eventi cardiovascolari, ipertesi possano presentare una maggiore vulnerabilità rispetto alla popolazione generale. Per tale ragione, nel contesto di un regime dietetico vario e bilanciato, comprendente alimenti naturalmente contenenti acidi grassi saturi (carne, latticini, uova), occorre ribadire la necessità di contenere il consumo di alimenti apportatori di elevate quantità di grassi saturi i quali, nelle stime di assunzione formulate nel presente parere, appaiono moderatamente in eccesso nella dieta delle fasce più giovani della popolazione italiana".

25 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us