Salute

Alimenti: indagine in Usa, in 7 anni -24% acquisto dolciumi

Roma, 22 dic. (AdnKronos Salute) - Calano le vendite di dolciumi preconfezionati negli Stati Uniti: fra gli alimenti che secondo gli esperti maggiormente hanno contribuito all'epidemia di obesità Oltreoceano, gli acquisti di biscotti, torte, merendine e ciambelle sono diminuiti del 24% fra il 2005 e il 2012, hanno calcolato gli esperti dell'Università del North Carolina, che hanno pubblicato i dati sul 'Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics'.

Nel tentativo di sviluppare nuovi metodi per monitorare gli sforzi per migliorare la qualità alimentare negli Stati Uniti, i ricercatori della hanno analizzato la 'questione dolciumi' da due angolazioni: i cambiamenti apportati agli ingredienti contenuti in questi prodotti, e se i consumatori ne avessero ridotto l'acquisto, virando verso alimenti a contenuto energetico inferiore e con meno zuccheri o grassi saturi. E se i risultati hanno evidenziato modifiche limitate nel contenuto nutrizionale dei dolciumi, tuttavia il consumo appare diminuito nell'arco dei 7 anni considerati.

"I dati di questo studio indicano che sono necessari grandi sforzi e su vasta scala da parte dei funzionari della sanità pubblica e delle aziende produttrici", osserva l'autore principale dello studio, Kevin Mathias del dipartimento di Nutrizione dell'ateneo americano. "Abbiamo infatti rilevato che i nuovi dolci prodotti nel 2012 non hanno meno calorie, zuccheri o grassi rispetto ai quelli già presenti sul mercato", assicura Mathias. Mentre per quanto riguarda ciò che gli americani comprano al supermercato, dallo studio emerge una buona notizia: tra il 2005 e il 2012 gli acquisti domestici di dolciumi preconfezionati sono scesi del 24%. "Questo mostra l'opportunità per i produttori di alimenti e i responsabili della salute pubblica di lavorare insieme per sviluppare strategie condivise", conclude l'esperto.

22 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us