Salute

Alimenti: i più 'social' sono caffè, birra e pizza, record di tweet

Indagine Usa, nei quartieri più poveri, popolati e ricchi di fast food si 'cinguetta' meno di cibi sani

Milano, 18 ott. (AdnKronos Salute) - Gli alimenti più social? Sono caffè, birra e pizza che strappano agli internauti il record di tweet. A incoronarli è un'indagine condotta negli Usa tra metà 2014 e metà 2015 da un team di scienziati dell'University of Utah che hanno esaminato quasi 80 milioni di 'cinguettii' - e catalogato 4 milioni di tweet sul cibo - stilando la top ten dei prodotti più popolari. Ma la ricerca, spiegano gli autori, mostra anche altro: e cioè che i tweet a sfondo alimentare possono rivelare anche qualcosa sulla salute di chi li pubblica. Per esempio, gli scienziati hanno osservato che le 'community' che esprimono sentimenti positivi sui cibi sani hanno anche più probabilità di essere in generale composte da persone più sane.

Ordinando i tweet sul cibo da un estremo all'altro - da quelli che citano direttamente fast food a quelli con protagoniste carni magre, frutta, verdura o frutta secca - emerge che solo il quarto alimento nella top ten dei più popolari rientra nella categoria fast food (e cioè 'Starbucks'). Mentre l'unico cibo classificabile come 'sano' è al settimo posto fra i più social: il pollo. Gli esperti, che hanno pubblicato i risultati della loro ricerca online su 'Jmir Public Health and Surveillance', hanno poi incrociato i due tipi di tweet alimentari con le informazioni sui quartieri di provenienza. E hanno rilevato che i tweet postati da quartieri poveri e da regioni con alta concentrazione di famiglie numerose, erano meno propensi a parlare di cibi sani. Non solo: le persone residenti in aree ad alta densità di ristoranti fast food, twittavano più spesso proprio di cibi da fast food.

Per i ricercatori da questo tipo di analisi potrebbero emergere indizi utili a capire come l'ambiente in cui si vive e si lavora impatta sulla salute e sul benessere. "I nostri dati potrebbero dirci che alcuni quartieri hanno meno risorse per sostenere una dieta sana", sottolinea Quynh Nguyen, dell'University of Utah College of Health, autrice principale dello studio. Seguendo questo ragionamento, le zone più ricche di fast food - ipotizza la ricercatrice - potrebbero trarre beneficio dall'avere più supermercati o negozi 'agricoli' che vendono prodotti freschi.

Per gli scienziati i tweet sono più che semplici chiacchiere e alcune tipologie di post permettono di tracciare la salute di una comunità. Secondo i dati raccolti, per esempio, le aree dalle quali arrivano più cinguettii su attività come camminare, ballare e correre sono anche quelle con un minor numero di decessi e tassi più bassi di obesità.

La stessa relazione con meno morti e percentuali più basse di malattie croniche è stata osservata per le aree con la più alta concentrazione di tweet positivi verso i cibi sani. Ma è comunque troppo presto per trarre conclusioni definitive sul significato di queste informazioni, precisa Nguyen, perché dopo tutto i tweet sono di parte e gli utenti di Twitter rappresentano solo una frazione della popolazione generale, sbilanciata verso la fascia d'età 18-49 anni.

C'è poi il nodo della precisione degli algoritmi utilizzati per catalogare i tweet e, aggiunge, il non trascurabile particolare che le persone tendono a postare dichiarazioni su alcuni alimenti piuttosto che altri: è più probabile che parlino con gli amici di un dolce 'celebrativo' di qualche ricorrenza piuttosto che di una pila di gambi di sedano. Limiti a parte, gli autori dello studio concludono che l'approccio 'social' alla salute è uno strumento troppo potente per essere ignorato. "E' un nuovo metodo promettente e conveniente per lo studio delle influenze sociali e ambientali sulla salute", conclude Ming Wen, autrice senior della ricerca.

18 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us