Salute

Alimenti: guru dieta Zona, da grassi a carboidrati occhio a 4 'falsi cattivi'

Roma, 6 mag. (AdnKronos Salute) - Non è solo una dieta dimagrante, "ma una strategia che mira alla salute globale, fisica e mentale. E può aiutare gli atleti, ma anche i cantanti come Fedez, ad essere più efficienti nelle loro performance in campo e sul palco". Così il guru della dieta Zona Barry Sears, biochimico e ricercatore del Mit (Massachusetts Institute of Technology), descrive all'Adnkronos Salute la sua dieta nella nuova versione 'mediterranea'. Una variante a cui ha dedicato un libro - 'La Zona Mediterranea', scritto con Daniela Morandi (Sperling e Kupfer) - che presenterà domani a Milano insieme al rapper Fedez, testimonial della dieta. Sears invita gli italiani a diffidare da quelli che lui chiama "i 'super-cattivi', falsi nemici a cui vengono attribuiti tutti i mali del mondo, a partire dai carboidrati, fino ai grassi".

Quattro insidie nel piatto a volte demonizzate in eccesso, o senza solide basi scientifiche. Ma anche alimenti da inserire nella dieta con parsimonia, almeno secondo Sears. "La Zona si può sposare molto bene alla dieta mediterranea, a patto che sia quella vera, a base di pesce e alimenti ricchi di preziosi polifenoli", assicura. I problema è che la maggioranza degli italiani mangia ormai in modo diverso, eccedendo in pane pasta e pizza. E si concede troppi dolci. "Finendo così per ingrassare". Inoltre, complici gli allarmi mediatici che arrivano periodicamente dai nutrizionisti, spuntano sempre "nuovi 'cattivi' in tavola. Che però a volte sono demonizzati a torto, in base alle prove scientifiche che abbiamo su ciascuno di essi". Alcuni andrebbero ridotti, altri non andrebbero eliminati del tutto. Nei 'terribili quattro' Sears include i carboidrati, i latticini, il glutine e i grassi saturi.

I primi aumenterebbero l'insulina che, in eccesso, fa ingrassare. "La soluzione proposta è quella di eliminarli dalla dieta dandoci sotto con i grassi saturi. Ma se è vero che i carboidrati, il glucosio in particolare, causano un aumento temporaneo dei livelli di insulina, questi però tornano presto alla normalità, se non si soffre di insulino-resistenza. Oltretutto - avverte il ricercatore - seguendo una dieta a basso contenuto di carboidrati si incappa in stanchezza e confusione mentale". Insomma, i carboidrati sono da ridurre, ma toglierli è sbagliato e pericoloso. E soprattutto "quelli colorati di frutta e verdura vanno salvati".

C'è poi il caso dei latticini, "un nuovo cattivo. Negli ultimi 40 anni il consumo americano di formaggio è aumentato del 300%, e il grosso non riguarda certo prodotti artigianali. Il problema - spiega Sears - sta nella possibile reazione allergica alle proteine del latte", che però riguarda lo 0,5% della popolazione adulta.

Insomma, "se non avete allergie evidenti ai latticini, sentitevi liberi di aggiungere un po' di parmigiano o di yogurt ai vostri pasti in Zona mediterraea", concede il papà della Zona.

Quanto al glutine, vero nemico per celiaci o persone sensibili alla sostanza, "sono convinto che eliminando i carboidrati ad alto carico glicemico ci si senta meglio. Non intendo però demonizzare il glutine, ma suggerisco di sostituire i carboidrati altamente glicemici con grandi quantità di verdure e quantità limitate di frutta". E ancora: "Non c'è alcun nesso epidemiologico tra grassi saturi e cardiopatia - prosegue l'esperto esaminando un altro celebre cattivo - Ma questo non significa che facciano bene. I grassi saturi sono più infiammatori di quelli monoinsaturi, e dunque se vogliamo aggiungere lipidi alla dieta, meglio l'olio extravergine d'oliva a oli mais o soia. Il vero nemico è l'infiammazione", assicura Sears, i cui libri hanno venduto oltre 5 milioni di copie e sono stati tradotti in 22 lingue. In questo volume, l'esperto propone un avvio di due settimane con ricette facili e ricette gourmet.

"La Zona - conclude Sears, che domani sarà a Milano per la tavola rotonda con Fedez, ma non visiterà l'Expo: l'obiettivo "è di tornare a settembre", confida - mi ha cambiato la vita: mi ha permesso di controllare i miei geni per rendeli più benevoli e di avere un certo controllo anche sul mio futuro".

6 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us