Focus

Alimenti: buttati 27 Kg a testa l'anno in Italia, da Adi consigli anti-spreco

rifiuti_donna_passsseegagaggaiagain
| ADN Kronos

Roma, 30 lug. (AdnKronos Salute) - Ogni anno in Italia si sprecano circa 27 chili di cibo a persona, pari a 454 euro all’anno per famiglia (rapporto Waste Watcher 2013). Un dato preoccupante, elaborato dall’Osservatorio nazionale sullo spreco domestico, di cui l'Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica (Adi) parlerà a Expo 2015 il 4 agosto, proponendo 10 consigli utili anti-spreco.

 

A livello domestico nel nostro Paese si gettano mediamente il 17% dei prodotti ortofrutticoli acquistati, il 15% di pesce, il 28% di pasta e pane, il 29% di uova, il 30% di carne e il 32% di latticini.

 

"Nel 2050, secondo la Fao, la popolazione crescerà fino a 9 miliardi e sarà necessario aumentare la produzione agricola almeno del 60% - afferma Barbara Paolini, vicesegretario nazionale Adi e medico nutrizionista dell'ospedale universitario senese - ma la metà del cibo che viene prodotto attualmente nel mondo finisce nella spazzatura, benché sia in gran parte commestibile. Dobbiamo quindi pensare prima a eliminare gli sprechi e poi aumentare la produzione: per farlo si potrebbe iniziare da 10 regole fondamentali che tutti quanti possiamo seguire", suggerisce l'esperta, che interverrà all’interno dello 'Spazio Donna', promosso dal ministero della Salute nel Padiglione Italia all'Expo.

 

Questi i consigli di Adi per ridurre lo spreco domestico:

 

1. Fai una lista delle cose da acquistare, in base alle reali esigenze

 

2. Segui la stagionalità e l’origine del prodotto, cercando di preferire prodotti locali a filiera corta, soprattutto per frutta e verdura

 

3. Riponi la spesa in modo corretto e nel ripiano adeguato del frigo

 

4. Congela i prodotti per prolungarne la durata nel tempo e mantenerne la freschezza

 

5. Mantieni pulita la dispensa e usa contenitori rigidi per la conservazione di alimenti come pasta e farina

 

6. Leggi le etichette nutrizionali e in particolar modo fai attenzione alle scadenze e al loro significato reale

 

7. Fai sempre attenzione alle quantità del cibo quando si cucina

 

8. Esegui una buona manutenzione di frigo e fornelli

 

9. Riutilizza gli alimenti avanzati e gli scarti alimentari con nuove ricette

 

10. Pratica il foodsharing, se il cibo è troppo e non si può congelare o riciclare, condividilo con amici e vicini di casa.

 

30 luglio 2015 | ADNKronos