Salute

Alcol: con crisi anche anziani a 'happy hour' per bere no limits

Scafato (Iss), nei locali ormai sale dedicate a clienti 'over 65', i più vulnerabili a rischi

Roma, 16 apr. (AdnKronos Salute) - Nascono nei bar, pub e locali dove ormai l'happy hour è un rito consolidato, sale dedicate ai clienti 'over 65', che "provano vergogna a seguire una moda giovanile e a 'mischiarsi' ai ragazzi, ma a causa della crisi economica vogliono approfittare delle offerte per mangiare e bere senza limiti, cosa molto in voga in questo periodo". Il risultato è che oggi gli anziani sono una delle due categorie più a rischio di comportamenti nocivi legati al consumo di alcol, insieme proprio ai giovani. A lanciare l'allarme è Emanuele Scafato, direttore del Reparto Salute della Popolazione e suoi Determinati (Cnesps) dell'Istituto superiore di sanità, oggi a Roma, a margine della presentazione dei nuovi dati sulle abitudini degli italiani legate ai 'drink'.

"Quella dell'happy hour - spiega all'Adnkronos Salute - è ormai una moda quotidianizzata da tantissimi giovani, ma anche molti anziani. Costa poco, puoi mangiare e bere tutto quello che vuoi e dunque assumere quantità di alcol non idonee sia per gli anziani che per i giovani, che dovrebbero evitare di bere fino ai 25 anni di età, quando il cervello ha completato il suo sviluppo. Sono le due fasce 'estreme' della popolazione, le più a rischio perché se da giovani il cervello non è ancora maturato del tutto, dopo una certa età inizia a perdere funzionalità".

"Inoltre - aggiunge - gli anziani spesso hanno malattie concomitanti, assumono farmaci, e le interazioni e gli effetti tossici possono essere importanti. Occorre sensibilizzare soprattutto i medici di famiglia spiegando che bastano cinque minuti di tempo per far capire a un paziente che bere è un'abitudine sbagliata e nociva. Il tutto a costo zero". Scafato ha inoltre fatto sapere che "solo l'anno scorso abbiamo registrato 20.000 nuovi alcol-dipendenti in Italia, che sono pochissimi: questo dimostra lo scarso 'appeal' dei servizi di presa in carico. Ma questi pazienti hanno bisogno di trattamento ed è nostro dovere cercare di far emergere l'iceberg sommerso".

In Italia per le persone di età superiore ai 65 anni si raccomanda un consumo giornaliero inferiore a 1 unità alcolica (12 grammi di alcol puro), indipendentemente dal genere. Secondo i dati dell'Osservatorio Nazionale Alcol, tra gli ultra 65enni i bevitori definibili a rischio, ossia con un consumo giornaliero di alcol superiore a 1 unità alcolica, sono circa il 40% degli uomini e il 10% delle donne, con una frequenza approssimativamente raddoppiata rispetto agli adulti. Inoltre, il numero assoluto di bevitori a rischio oltre i 65 anni è destinato ad aumentare in modo esponenziale a causa del rapido invecchiamento della popolazione.

Dei 17.000 decessi alcolcorrelati l'anno in Italia sono soprattutto gli anziani a registrare le più elevate quote di mortalità.

Infine, il numero assoluto di bevitori anziani a rischio è destinato ad aumentare in modo esponenziale a causa del rapido invecchiamento della popolazione, a cui andrà ad aggiungersi il fatto che questo segmento di popolazione in progressivo aumento sarà in gran parte composto dai cosiddetti 'baby boomers' (ossia i nati dopo la seconda guerra mondiale).

16 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us