Salute

L'alcol a piccole dosi potrebbe avere effetti benefici sul cervello

Consumato in moderate quantità aiuterebbe il funzionamento del sistema glinfatico, il meccanismo che drena le tossine dalle cellule neurali. Se si esagera, però, è un potente infiammatorio.

Un bicchiere di vino a cena aiuta a dissipare i pensieri e ora, pare, anche a ripulire il cervello - letteralmente. In base a una nuova ricerca pubblicata su Scientific Reports, il consumo di basse dosi di alcol faciliterebbe il processo di smaltimento di tossine nel cervello (incluso il "risciacquo" dalle proteine il cui accumulo è associato con l'Alzheimer), contribuendo a spegnere l'infiammazione cellulare.

Il giusto, e non di più. Come sempre in questi casi, il segreto è nella misura. Da tempo sappiamo che il consumo prolungato ed eccessivo di alcol ha ricadute deleterie sulla salute del sistema nervoso centrale, e di conseguenza sulle doti motorie e cognitive (oltre agli effetti cancerogeni e ai danni cardiovascolari, solo per citarne alcuni).

Risciacquo programmato. Tuttavia, assunta in dosi moderate, questa sostanza potrebbe avere un'influenza positiva sul sistema glinfatico, l'"impresa di pulizie" che, attraverso il liquor - un fluido presente nel sistema nervoso centrale - elimina le sostanze di scarto nel cervello rispendendole al sistema circolatorio, e da qui al fegato, per essere smaltite.

Questo processo era stato descritto da Maiken Nedergaard, codirettore del Center for Translational Neuromedicine all'Università di Rochester (New York, USA) nel 2012. Nei suoi studi aveva dimostrato come questo naturale "netturbino" ripulisse il cervello dalle proteine tau e beta amiloide (tipiche della malattia di Alzheimer), specialmente durante il sonno, quando è più attivo. Ora Nedergaard ha studiato gli effetti dell'alcol sul sistema glinfatico.

I danni prevedibili... Quando hanno esposto il cervello di topi ad alti livelli di alcol per un lungo periodo di tempo, i ricercatori del suo team hanno riscontrato alti livelli di un marcatore molecolare dell'infiammazione, in particolare negli astrociti, cellule che nutrono i neuroni e che hanno un ruolo cruciale nella gestione del sistema glinfatico. Anche le abilità cognitive e motorie degli animali ne sono uscite danneggiate.

... E un beneficio imprevisto. Quando però i topi sono stati sottoposti a dosi moderate di alcol, corrispondenti ai 2,5 piccole dosi di vino versato, il sistema glinfatico è apparso, a sorpresa, più efficiente nel pompare il fluido cerebrospinale, e il livello di infiammazione è risultato più moderato che nei topi non sottoposti ad alcol. Le loro doti cognitive e motorie sono risultate pari a quelle dei non bevitori.

Studi passati hanno dimostrato che l'assunzione di alcol a piccole dosi è associata a un rischio minore di demenze e a una migliore salute cardiovascolare. La ricerca potrebbe fornire una possibile spiegazione sul perché accada.

Coperta corta. Scoperte di questo tipo sono da interpretare con le dovute attenzioni.

A prescindere dai suoi effetti sul cervello e anche se se ne assume in quantità moderate, l'alcol è classificato come agente cancerogeno dalla IARC, l'autorità che valuta gli effetti degli agenti chimici o fisici sull'insorgenza di tumori.

Secondo l'AIRC, la maggior parte dei tumori associati al cancro (bocca, larginge, esofago, mammella, colon, fegato e pancreas) «si verifica in persone i cui consumi di alcolici superano le soglie raccomandate: 20 g di alcol al giorno (l'equivalente di due bicchieri di vino da 125 ml) per i maschi e 10 g al giorno per le femmine (circa un bicchiere di vino da 125 ml)».

5 febbraio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us