Salute

Aifa, nel 2014 spesi 26,6 mld, 438 euro a cittadino

Dato emerge dal Rapporto sull'uso dei farmaci (Osmed) dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Il 75% è rimborsato dallo Stato, valori annuali stabili

Roma, 21 lug. (AdnKronos Salute) - Nel 2014 la spesa farmaceutica in Italia, pubblica e privata, ha raggiunto i 26,6 miliardi di euro, di cui il 75% rimborsato dal Ssn. In media, circa 438 euro per ogni cittadino italiano. E' quanto emerge dal Rapporto sull'uso dei farmaci (Osmed) dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), presentato oggi a Roma.

La spesa farmaceutica territoriale complessiva, sia pubblica che privata, è in calo rispetto all'anno precedente dello 0,1% ed è stata pari a 20.009 milioni di euro. La spesa pubblica, comprensiva di quella per i farmaci erogati in regime di assistenza convenzionata e in distribuzione diretta e per conto di classe A, è stata di 11.848 milioni di euro, ossia il 59,2% della spesa farmaceutica territoriale. Rispetto all'anno precedente, ha registrato una lieve riduzione dello 0,2%, principalmente determinata da un aumento della spesa per i farmaci in distribuzione diretta e per conto (+8,2%), controbilanciato dalla riduzione della spesa farmaceutica convenzionata netta (-3%).

Secondo il rapporto, la spesa a carico dei cittadini - compartecipazione (ticket regionali e differenza tra il prezzo del medicinale a brevetto scaduto erogato al paziente e il prezzo di riferimento), medicinali di classe A acquistati privatamente e farmaci di classe C - ha registrato una riduzione dello 0,1% rispetto al 2013. A influire sulla variazione è stata la riduzione della spesa per l'acquisto privato di medicinali di fascia A (1,9%) e per i medicinali di classe C con ricetta (-1,6%), associata a un aumento della compartecipazione (+4,5%) e della spesa per i medicinali di automedicazione (+0,2%).

La spesa per i farmaci acquistati dalle strutture sanitarie pubbliche (ospedali, Asl, Irccs) è risultata pari a 9 miliardi di euro (148 euro pro capite), con un incremento rispetto al 2013 del 4,8%.

Nel 2014 - rileva l'Aifa - i farmaci a brevetto scaduto hanno rappresentato il 63,8% dei consumi a carico del Ssn (47,2% in regime di assistenza convenzionata e 23,8% per i farmaci acquistati dalle strutture sanitarie pubbliche). Assorbono il 46,6% della spesa netta convenzionata, il 2,8% della spesa dei farmaci acquistati dalle strutture sanitarie pubbliche e complessivamente il 24,4% della spesa pubblica. Sia la spesa sia i consumi dei farmaci a brevetto scaduto, in regime di assistenza convenzionata, e dei farmaci a brevetto scaduto acquistati dalle strutture sanitarie sono in aumento rispetto al 2013. Nel 2014, pantoprazolo, lansoprazolo e omeprazolo continuano a rappresentare i primi principi attivi a brevetto scaduto in termini di spesa convenzionata, mentre octreotide, quetiapina e sodio cloruro in associazione sono quelli a maggior spesa tra i farmaci acquistati dalle strutture sanitarie pubbliche. L'Italia si colloca al terzo posto in Europa in termini di spesa per i farmaci che hanno goduto della copertura brevettuale. Nel 2014 sono stati registrati rilevanti incrementi nell'uso di farmaci biosimilari.

21 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di coriosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us