Salute

La malaria resistente all'artemisinina è arrivata in Africa

Cresce la diffusione in Africa del plasmodio resistente a farmaci finora efficaci: una mutazione ha reso insensibile all'artemisina il parassita che nell'uomo provoca la malaria.

Una ricerca pubblicata sul New England Journal of Medicine ha confermato che in Africa si sta diffondendo il plasmodio resistente all'artemisinina e ai suoi derivati: ossia ai farmaci che rappresentano lo standard terapeutico per curare la malaria. Analogamente a quanto è avvenuto nel sud-est asiatico, il parassita africano ha infatti sviluppato una mutazione genetica che lo protegge dall'azione di questi medicinali, che risultano quindi molto meno efficaci. Il dato desta fortissime preoccupazioni, perché in Africa si registra oltre il 90% dei casi e dei decessi dovuti alla malattia.

Lo studio si è svolto fra il 2017 e il 2019 al St. Mary's Hospital Lacor di Gulu, nel nord dell'Uganda. In questo periodo, 270 bambini sono stati trattati con l'artesunato, un potente derivato dell'artemisinina, ma 14 di loro non hanno risposto alla terapia come avrebbero dovuto. Analizzando il genoma dei plasmodi prelevati dai piccoli pazienti, i ricercatori hanno individuato in particolare una mutazione sul gene kelch13, che rende questi parassiti insensibili al farmaco. Il gene kelch13 è mutato anche nei plasmodi resistenti che circolano nel sud-est asiatico, ma la mutazione africana è differente: segno - sottolineano i medici - che il ceppo africano non è stato "importato" dall'estero, ma si è evoluto qui, in modo indipendente.

Dati aggiornati sulla diffusione della malaria in Africa, dal Malaria Atlas Project.
Dati aggiornati sulla diffusione della malaria in Africa, dal Malaria Atlas Project. © malariaatlas.org

In precedenza, sempre in Africa, erano stati identificati altri plasmodi con mutazioni sul gene kelch13, ma una effettiva resistenza ai farmaci era stata osservata solo in casi sporadici, per esempio in Rwuanda, come riporta The Lancet Infectious Diseases. Lo studio appena pubblicato mostra invece che la percentuale dei plasmodi insensibili ai farmaci è salita negli anni, passando dal 4% del 2015 al 20% del 2019.

Fortunatamente esistono ancora cocktail di farmaci antimalarici che permettono di curare la malattia, ma il fenomeno osservato preoccupa, perché è l'innesco di un processo che potrebbe portare a una diffusione incontrollata dei plasmodi resistenti. Si teme che possa ripetersi il disastro che si verificò quando in Africa si diffuse la malaria insensibile alla clorochina (uno dei primi antimalarici utilizzati): alla fine degli anni Novanta, questa malattia uccideva oltre un milione di bambini ogni anno.

Leggi anche Punture contro punture, di Elena Meli, su Focus 342 (aprile 2021): il punto sulla ricerca contro la malaria.
Leggi anche Punture contro punture, di Elena Meli, su Focus 342 (aprile 2021): il punto sulla ricerca contro la malaria. © Focus

Nel sud-est asiatico, dove la malaria resistente all'artemisinina è comparsa una quindicina di anni fa, la situazione è stata fronteggiata trattando tempestivamente i malati con i farmaci che ancora mostravano efficacia. La strategia ha fatto arretrare il plasmodio, ma sembra difficile applicarla in Africa, dove la malaria è molto più diffusa e le infrastrutture spesso carenti.

28 settembre 2021 Margherita Fronte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us