Salute

Adolescenti: vaccino anticovid sì o no?

Alcune considerazioni di un esperto, che mette sul piatto della bilancia rischi e benefici della somministrazione del vaccino anticovid ai minori di 18 anni.

La campagna vaccinale procede a ritmo serrato, e in Italia già dai primi di giugno i vaccini sono disponibili per tutti i cittadini maggiori di 12 anni che desiderino immunizzarsi. Con l'apertura alle fasce di popolazione più giovani, sorgono i primi dubbi: è bene vaccinare gli adolescenti? I benefici superano i rischi? Russell Viner, pediatra e professore all'UCL Great Ormond Street Institute of Child Health (Regno Unito), fa il punto della situazione in un articolo pubblicato sul Guardian.

Lo abbiamo visto con il caso della Spagna, dove i viaggi di fine anno scolastico e le feste illegali hanno contribuito a un notevole aumento dei casi tra i più giovani: tra chi non è vaccinato il coronavirus, specie nelle sue varianti più contagiose, si diffonde veloce. Se è vero che i più giovani non corrono generalmente grossi rischi di contrarre la covid in forma grave, è altrettanto vero che possono contagiare genitori e nonni, vaccinati ma non protetti al 100%.

«Sappiamo che circa il 40% degli adolescenti ha già sviluppato gli anticorpi contro la covid, e ciò significa che si sono infettati durante il primo anno di pandemia», spiega Viner. La maggior parte dei ragazzi contrae la covid in forma leggera o asintomatica: in Italia su oltre 100.000 pazienti deceduti per covid appena 19 erano minorenni (lo 0,02% del totale), e nella maggior parte dei casi si trattava di giovani con patologie pregresse.

Pro e contro. Vaccinare i giovanissimi ha sicuramente dei risvolti positivi, tra cui la diminuzione della trasmissione del virus tra adolescenti e adulti vulnerabili e la riduzione del rischio di contrarre la malattia in forma grave (rischio, il secondo, quasi inesistente in soggetti sani). Sul piatto della bilancia bisogna mettere anche i rischi di una sindrome post-covid, ancora poco studiati ma che devono essere presi in considerazione: secondo uno studio pubblicato su The Lancet, tra l'8% e il 50% dei minorenni contagiati ha riscontrato sintomi a lungo termine anche dopo la fine della malattia, come spossatezza, tosse o infiammazione.

D'altro canto, esistono anche dei contro alla vaccinazione degli adolescenti, che riguardano principalmente gli eventuali effetti collaterali successivi ai vaccini e, soprattutto, il fatto che sia prioritario vaccinare altre fasce di popolazione.

Prima gli adolescenti più vulnerabili. «Credo sia ragionevole offrire il vaccino ora agli adolescenti più vulnerabili e affetti da malattie croniche, e attendere per il resto dei minori sani», sostiene Viner. Secondo il pediatra è meglio dare priorità al completamento della vaccinazione delle fasce più adulte, e utilizzare poi le dosi rimanenti per mantenere la promessa di aiuto fatta alle popolazioni del Terzo Mondo, dove le campagne vaccinali procedono a rilento.

Nel frattempo, bisognerà tenere alta la guardia per evitare che si ripetano situazioni come quelle vissute nella penisola iberica, che vanificherebbero tutti gli sforzi che da mesi stiamo facendo per ripartire e buttarci alle spalle una volta per tutte l'incubo pandemia. 

10 luglio 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us