Salute

Acqua, in una bottiglia da un litro sono presenti 240.000 frammenti di plastica

Nell'acqua imbottigliata potrebbero essere presenti 100 volte più particelle di plastica di quanto stimato, se si osservano quelle nanometriche.

Il fatto che l'acqua che beviamo sia ormai contaminata di invisibili frammenti di plastica è purtroppo noto e quasi "accettato". Ma le particelle di plastica che deglutiamo dalla bottiglietta di minerale potrebbero essere molte più di quanto si temesse. È quanto suggerisce un nuovo studio che si è concentrato su un ordine di grandezza ancora più piccolo di quello - spesso indagato - delle microplastiche. Ossia sulle nanoplastiche, particelle più piccole di un micrometro (un milionesimo di metro).

In base alla ricerca, se si contano i frammenti di queste dimensioni, le quantità di plastica nell'acqua in bottiglia raggiungono da 10 a 100 volte i numeri in precedenza stimati. L'articolo è appena stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Un tuffo nel nanomondo. Il tema della contaminazione da plastica dell'acqua in bottiglia era diventato di pubblico dominio nel 2018, quando uno studio aveva individuato in media la presenza di 325 particelle per ogni litro d'acqua. Lavori successivi hanno continuato a rivedere le stime al rialzo, ma tutti si fermavano a frammenti di dimensioni di un micrometro o più. Gli scienziati ambientali del Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University (Stati Uniti) hanno affinato le loro indagini usando una tecnica di analisi microscopica dei materiali chiamata spettroscopia di scattering Raman, che focalizza laser sul campione per vedere in che modo la luce interagisce con le molecole all'interno di esso.

Quante e quali plastiche? Gli scienziati hanno analizzato l'acqua in bottiglia di tre diverse marche statunitensi i cui nomi non sono stati specificati. Si sono focalizzati sulle particelle di misura pari o superiore ai 100 nanometri e ne hanno trovate da 110.000 a 370.000 per litro - per il 90% nanoplastiche.

Un tipo di plastica molto comune è risultato essere il PET (Polietilene tereftalato), comunemente usato per le bottiglie: probabilmente contamina l'acqua quando le bottiglie sono strizzate o sottoposte a calore, o mediante l'abrasione del tappo svitato. Ma assai più spesso le nanoplastiche sono fatte di poliammide, un tipo di nylon usato per i filtri che (in teoria) dovrebbero purificare l'acqua prima dell'imbottigliamento. Molte altre nanoplastiche sono costituite di tre comuni plastiche usate nei processi industriali: il polistirene, il polivinilcloruro e il polimetilmetacrilato.

Dritte nell'organismo. A questo punto i ricercatori vogliono studiare con la stessa tecnica altri tipi di acqua inclusa quella del rubinetto. Anche se la massa totale delle nanoplastiche individuate è assai inferiore a quelle delle microplastiche, «non sono le dimensioni che contano, ma i numeri, perché più piccole sono le cose, più facilmente entrano nel nostro corpo» conclude Wei Min, coautore dello studio.

13 gennaio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us