Salute

Acciughe al posto della carne rossa: così salveremmo 750.000 vite

Sostituire la carne con i cosiddetti pesci foraggio abbatterebbe le morti per malattie croniche e cardiovascolari, specialmente nei Paesi più poveri.

Rimpiazzare parte della carne rossa che mangiamo con i pesci alla base della catena alimentare marina come acciughe, sardine e aringhe, porterebbe a salvare 750.000 vite all'anno nel 2050.

Il cambio di alimentazione farebbe guadagnare anni di vita perché migliorerebbe la salute cardiovascolare, specialmente delle popolazioni dei Paesi a medio e basso reddito. Bisognerebbe soltanto imparare a usare meglio una risorsa già presente in abbondanza nei mari e specialmente lungo le coste di molti Paesi in via di sviluppo - come afferma uno studio pubblicato sul BMJ Global Health.

Un lusso poco salutare. Il consumo di carne rossa e processata è associato a un rischio aumentato di malattie non trasmissibili, cioè di patologie croniche e a lungo decorso che derivano da una combinazione di fattori genetici, fisiologici, ambientali e comportamentali come cancro, diabete, problemi cardiovascolari. A questa categoria di malattie si deve circa il 70% dei decessi globali, e le patologie coronariche, gli ictus, il diabete e i tumori dell'intestino - tutte condizioni legate a un'alimentazione poco salutare - sono alla base del 44% di queste morti.

Un'opportunità nei mari. I cosiddetti pesci foraggio come acciughe, sardine e aringhe, chiamati così perché vengono predati da pesci più grandi, sono ricchi di omega 3, i grassi polinsaturi che contribuiscono al mantenimento di livelli normali di colesterolo nel sangue e al buon funzionamento del cuore. Oltretutto, questa fonte proteica ha anche il più basso impatto in termini di emissioni di CO2 rispetto a tutte le altre proteine animali.

Tuttavia, tre quarti di questi pesci, inclusa buona parte del pescato delle acque limitrofe a Paesi affetti da malnutrizione, finiscono nella produzione di farina di pesce e olio di pesce, che vengono utilizzati negli allevamenti di pesci di acquacoltura destinati ai Paesi industrializzati.

Una diversa destinazione. Un gruppo di scienziati guidati da Shujuan Xia, del National Institute for Environmental Studies di Tsukuba, Giappone, ha incrociato le proiezioni sul consumo di carne rossa nel 2050 in 137 Paesi con quelli sulla pesca di pesci foraggio in vari habitat marini. Trovando che, se queste risorse venissero usate per aumentare il consumo giornaliero di pesce pro-capite nei Paesi dove questa necessità non viene ovviata, portandosi vicino al livello raccomandato di 40 kcal, allora si riuscirebbero a prevenire da mezzo milione a 750.000 decessi per malattie legate a una cattiva alimentazione, e in particolare per malattie coronariche.

Almeno proviamoci! Questa rivoluzione alimentare porterebbe a evitare complessivamente, da 8 a 15 milioni di anni vissuti con una disabilità cronica, la maggior parte dei quali sono oggi concentrati nei Paesi a medio e basso reddito.

I ricercatori sono consapevoli che le riserve comunque limitate di questi pesci, che sono anche molto economici, non basterebbero a sostituire del tutto la carne rossa. Ciò nonostante, nello scenario ipotizzato, i benefici basterebbero a ridurre del 2% le morti globali per malattie coronariche, ictus, diabete e tumori dell'intestino.

Gli ostacoli sul piatto. Il percorso non sarebbe privo di sfide, prime tra tutte, le barriere geografiche che tengono lontani Paesi come Mongolia, Turkmenistan, e diversi Stati africani dal mare. In questo caso occorrerebbe intensificare il commercio globale di pesci foraggio, per farli arrivare dove più c'è bisogno.

Resta chiaro, poi, che nonostante il potenziale di questo alimento per la salute, rimarrebbero da superare enormi ostacoli economici, come l'overfishing, lo sviluppo della lavorazione del pesce per farne alimenti per animali, il cambiamento climatico, che assottiglia le riserve ittiche; e culturali, come l'accettazione di una fonte proteica primaria diversa dalla carne.

10 aprile 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us