Salute

Aborto: Oms, interrotto un quarto gravidanze nel mondo tra 2010 e 2014

Calano in Paesi ricchi ma stabili in quelli poveri

Roma, 12 mag. (AdnKronos Salute) - I tassi di aborto sono diminuiti significativamente tra il 1990 e il 2014 nelle zone del mondo più sviluppate. Tuttavia, nello stesso periodo, sono rimasti sostanzialmente invariati nelle regioni in via di sviluppo. Queste le conclusioni di un nuovo studio condotto dal Guttmacher Institute e dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) pubblicato su 'Lancet'. Gli autori stimano anche che nel 2010-2014 un quarto di tutte le gravidanze in tutto il mondo si sia concluso con l'aborto.

I ricercatori hanno scoperto inoltre che, anche se il tasso di aborto generale è diminuito nel corso dei 25 anni considerati, il numero assoluto di aborti ogni anno cresce come conseguenza dell'aumento della popolazione: a livello globale, il numero annuo di aborti è cresciuto di quasi 6 milioni, da 50,4 milioni nel periodo 1990-1994 a 56,3 milioni nel 2010-2014. Il tasso di aborto stimato nel 2010-2014 risulta di 35 per 1.000 donne. Ripartito per stato civile, risulta di 36 per 1.000 fra le donne sposate e di 25 per 1.000 fra le non sposate.

La percentuale di gravidanze concluse con un aborto è scesa nelle regioni sviluppate, dal 39% nel 1990-1994 al 28% nel 2010-2014. Al contrario, è cambiata molto Poco nei paesi in via di sviluppo, dal 21% al 24% nello stesso arco di tempo. Tuttavia, la maggiore percentuale di gravidanze che terminano in aborto si registra in America Latina e nei Caraibi (dal 23% al 32%), Sud e in Asia centrale (dal 17% al 25%), e Sud Africa (dal 17% al 24%).

"Queste tendenze suggeriscono che le donne e le coppie nel mondo sviluppato riescono maggiormente a evitare gravidanze indesiderate, la causa della maggior parte degli aborti nel corso degli ultimi due decenni - spiega Gilda Sedgh, autore principale dello studio - Gli alti tassi di aborto sono correlati ad alti livelli di insoddisfatte necessità contraccettiva. I nostri risultati indicano che in molte regioni in via di sviluppo le donne non hanno i servizi di contraccezione e non sono in grado di prevenire le gravidanze che non vogliono".

12 maggio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us