Salute

Aborto: Camusso, Ssn deve garantire diritto donne senza discriminazioni

Cgil, sentenza Consiglio d'Europa risale all'ottobre 2015 ma il Governo non ha interrotto l'embargo

Roma, 11 apr. (AdnKronos Salute) - La decisione del Consiglio d'Europa di accogliere un ricorso della Cgil sull'accesso 'a singhiozzo' all'aborto nel nostro Paese è "una sentenza importante perché ribadisce l'obbligo della corretta applicazione della legge 194, che non può restare soltanto sulla carta. Il sistema sanitario nazionale deve poter garantire un servizio medico uniforme su tutto il territorio nazionale, evitando che la legittima richiesta della donna rischi di essere inascoltata". Ad affermarlo è il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, che sottolinea come la decisione del Consiglio d'Europa "riconferma che lo Stato deve essere garante del diritto all'interruzione di gravidanza libero e gratuito, affinché le donne possano scegliere liberamente di diventare madri e senza discriminazioni, a seconda delle condizioni personali di ognuna".

A tre anni di distanza dal Reclamo collettivo (numero 91 del 2013) da parte della Cgil, oggi - sottolinea il sindacato - è stata finalmente resa pubblica, dopo il lungo periodo di embargo, la decisione di merito con cui il Comitato europeo dei diritti sociali del Consiglio d'Europa ha nuovamente riconosciuto che l'Italia viola i diritti delle donne che - alle condizioni prescritte dalla legge 194 del 1978 - intendono interrompere la gravidanza. "E' stata anche accertata la violazione dei diritti dei medici non obiettori di coscienza - ricorda la Cgil - a causa dell'elevato e crescente numero di medici obiettori di coscienza e della disorganizzazione degli ospedali e delle Regioni, che dunque affrontano un insieme di svantaggi sul posto di lavoro sia diretti sia indiretti, in termini di carico di lavoro e prospettive di carriera".

La sentenza risale al 12 ottobre 2015, "ma è stato possibile renderla nota soltanto oggi - precisa il sindacato - alla scadenza dell'embargo che poteva essere interrotto soltanto dal Governo italiano, cosa che purtroppo non è avvenuta".

La legge 194 del 1978 prevede che, indipendentemente dalla dichiarazione di obiezione di coscienza dei medici - ricorda la Cgil - ogni singolo ospedale e le Regioni debbano sempre garantire il diritto di accesso all'interruzione di gravidanza delle donne. "Oggi purtroppo, a causa dell'elevato e crescente numero, come dimostrano i dati forniti dalla Cgil nell'ambito del giudizio davanti al Comitato europeo, di medici obiettori, molte strutture si trovano a non avere all'interno del proprio organico un numero adeguato di medici che possono garantire leeffettiva e corretta applicazione della legge", sottolinea il sindacato.

Il riconoscimento di queste violazioni, a distanza di ormai due anni dalla prima condanna del Comitato europeo nei confronti dell'Italia, per la Cgil "è una vittoria per le donne e per i medici, ma anche per l'Italia: costituisce un'importante occasione affinché si prenda finalmente coscienza dei problemi concreti di applicazione della disciplina (definita dalla Corte costituzionale quale regolamentazione irrinunciabile), finora del tutto disconosciuti dal ministero della Salute".

11 aprile 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us