Salute

Abbiamo davvero bisogno di otto bicchieri d'acqua?

Lo studio del meccanismo attraverso il quale il corpo regola l'apporto giornaliero di liquidi smentisce questo diffuso luogo comune.

Per mantenersi idratati è necessario davvero imporsi di bere almeno 8 bicchieri (l'equivalente di un paio di litri) al giorno? No, secondo uno studio appena pubblicato su PNAS, che spiega come il nostro corpo inibisca l'assunzione di liquidi, una volta che ne abbiamo ingeriti abbastanza.

Basta così. La ricerca guidata dalla Monash University (Australia) sottolinea come, quando beviamo in eccesso, il cervello attivi un meccanismo di inibizione della deglutizione: una sorta di freno volto a mantenere il corretto volume di acqua nel sangue, che ci rende più fastidioso "mandare giù" il sorso. Ascoltare il proprio corpo senza imporsi regole rigide è quindi la chiave necessaria per autoregolarsi.

I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti dello studio di valutare la fatica della deglutizione dopo una corsa o dopo che erano stati costretti a bere grandi quantità di acqua. Naturalmente lo sforzo è stato minore quando i soggetti erano assetati.

Per questa volta... Quando i volontari sono stati esaminati con risonanza magnetica funzionale (fMRI), si è visto che la corteccia prefrontale destra era più attiva quando deglutire costava più fatica, come se il cervello si trovasse costretto a intervenire per superare l'inibizione della deglutizione, e rendere possibile l'esecuzione di un compito imposto.

Lo studio conferma quanto stabilito da precedenti ricerche: il falso mito degli otto bicchieri, diffuso per la prima volta nel 1945, non è supportato da evidenze scientifiche.

Tutto fa brodo. Tanto per cominciare la corretta - e fondamentale - idratazione del corpo umano non avviene soltanto attraverso l'acqua, ma anche consumando frutta e verdura, bevendo tè, tisane, succhi di frutta, latte e caffè (o piccole quantità di bevande moderatamente alcoliche, come la birra). In secondo luogo non è vero che percepiamo la sete quando già siamo disidratati: il nostro corpo sa già perfettamente come regolarsi.

11 ottobre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us