Salute

A lavoro su software ad hoc per raccogliere dati pazienti e biobanca

Arrivato il sostegno del ministero della Salute all’ingresso dell’Istituto di Pozzilli

Roma, 7 ott. (AdnKronos Salute) - L'Istituto neurologico mediterraneo Neuromed entra nelle reti delle eccellenze delle malattie rare. La struttura di Pozzilli (Is) ha infatti ricevuto il sostegno formale del ministero della Salute al suo inserimento nel Network di Riferimento Europeo (Ern – European Reference Network) per le malattie rare.

Le Reti europee di riferimento hanno lo scopo di creare una struttura per la condivisione delle conoscenze e il coordinamento dell'assistenza ai malati in tutta l’Unione europea. Grazie a questa iniziativa, che supera i confini nazionali, i centri di eccellenza del vecchio continente potranno mettere in comune le loro conoscenze e, soprattutto, potranno offrire ai malati europei un quadro ampio di possibilità di cura e assistenza. Neuromed è stato scelto per uno dei campi più complessi, ma anche un campo in cui l’Istituto molisano ha investito molto: le malattie rare neurologiche e degli organi di senso come l’occhio.

Per arrivare all'obiettivo raggiunto dalla struttura il cammino è stato complesso. Il percorso prevede la valutazione della capacità di svolgere assistenza clinica e ricerca di alto livello, ma è necessario anche essere già un punto di riferimento per i pazienti, dimostrato dai numeri. E l’Istituto di Pozzilli, oltre a essere Centro di riferimento nazionale, cura il registro molisano delle malattie rare di interesse neurologico. Per questo la regione Molise lo ha segnalato al ministero della Salute come struttura da candidare alle Ern.

L’impegno di Neuromed nelle Reti di riferimento europee sarà strettamente legato alle patologie rare del sistema nervoso e degli organi di senso (dell’occhio in particolare). E le risorse messe in campo sono interdisciplinari. La stretta collaborazione tra Centro malattie rare, Centro di genetica molecolare, Dipartimento di epidemiologia e Centro di neuroftalmologia chirurgica - spiega l'Istituto in una nota - permette di avere una visione complessiva, non solo per quanto riguarda la cura del singolo paziente e la ricerca di laboratorio, ma anche a livello dell’intera popolazione.

"Essere riconosciuti a questo livello - dice Stefano Ruggieri, responsabile del Centro malattie rare Neuromed - richiede una completezza di tecnologie e competenze non facili da mettere assieme. Dalla clinica alla diagnostica avanzata e alla genetica; dal supporto psicologico per il paziente all’epidemiologia, con la sua capacità di esaminare i grandi numeri e di gestire i registri. Sono tutti elementi che devono integrarsi insieme con precisione".

"In un contesto come quello Neuromed - spiega Marco Minicucci, del Centro di Neuroftalmologia chirurgica - orientato sia alle malattie neurologiche che a quelle degli organi di senso, l’oftalmologia gioca naturalmente un ruolo importante.

In questo campo, con una patologia come il cheratocono, abbiamo avviato da tempo un percorso che, unito alle altre competenze della struttura, arricchisce l’offerta che il Neuromed rivolge ai malati".

Ma impegnarsi nelle malattie rare significa anche molto di più. "Queste patologie - continua Ruggieri - ci spingono ad ampliare continuamente le nostre conoscenze. Il più delle volte non ci sono terapie. E allora dobbiamo continuamente migliorare tutto, la diagnosi, la terapia, la ricerca. E tutto questo sforzo, inevitabilmente, si estende a un intero Istituto. In altri termini, occupandoci di malattie rare miglioriamo tutta l’assistenza e la cura, anche per tutti quei pazienti con patologie più comuni".

"Proprio per le conoscenze limitate che abbiamo di queste patologie - dice Licia Iacoviello, capo del Laboratorio di epidemiologia molecolare e nutrizionale del Neuromed - un grande sforzo deve essere dedicato a saperne di più, a conoscere meglio la situazione. Ecco perché stiamo creando software specifici per la raccolta di informazioni dai pazienti con malattie rare e dalle loro famiglie, oltre a una biobanca che ci permetterà di sviluppare ricerca clinica ed ed epidemiologica su queste malattie e di collaborare con reti internazionali”.

7 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us