A cosa serve l'ittero?

Il colorito giallastro sembra possa essere utile per combattere i pericolosi composti ossidanti.

20021129174942_14

A cosa serve l'ittero?
Il colorito giallastro sembra possa essere utile per combattere i pericolosi composti ossidanti.
Un bambino immaturo con l'ittero. Anche questa patologia può servire.
Un bambino immaturo con l'ittero. Anche questa patologia può servire.

Molti bambini nascono con l'ittero, quel colorito giallastro della pelle che preoccupa i genitori, ma è sostanzialmente innocuo. Poiché è causato dall'eccesso di bilirubina, un composto tossico derivato a sua volta dalla biliverdina (che tossica non è), ci si è chiesti a cosa serva al corpo produrre la molecola. Tre autori statunitensi, che lavorano in due università, pensano di saperlo. È stato dimostrato tempo fa che la bilirubina è un potentissimo antiossidante (combatte cioè i composti di scarto che potrebbero danneggiare la cellula); nei tessuti, però, c'è troppo poca bilirubina per essere utile in questa funzione.
Ed ecco l'idea dei neuroscienziati: hanno messo a coltura cellule nervose “avvelenate” con acqua ossigenata (che è un potente ossidante) e hanno provato a trattarle con bilirubina. Hanno così dimostrato che anche minime quantità di questa molecola funzionerebbero come protettore delle cellule nervose. Paradossalmente, quindi, anche se l'ittero è preoccupante, la sua utilità è scientificamente provata.

(Notizia aggiornata al 1 dicembre 2002)

29 Novembre 2002