Salute

Tumore e prevenzione: i tre screening oncologici che possono salvare la vita

Tumore del seno, del collo dell'utero e del colon-retto: sono i tre screening in grado di individuare il cancro prima ancora che si manifestino i sintomi.

Aderire agli screening oncologici può salvare la vita: i programmi di screening vengono infatti condotti su una fascia di popolazione per individuare un tumore in stadio iniziale o condizioni che lo favoriscono, in assenza di sintomi o segni correlati. Non per tutti i tumori sono possibili esami di screening: in Italia i programmi prevedono il PAP test o l'HPV test per il tumore del collo dell'utero nelle donne, la ricerca del sangue occulto nelle feci per la diagnosi del tumore del colon-retto in tutta la popolazione oltre i 50 anni e lo screening del tumore alla mammella, con programmi che in questo caso tuttavia sono un po' diversi da Regione a Regione.

cover-focus-368 (giugno 2023)
Gli ultimi progressi della ricerca nella lotta contro il cancro: è il tema del ricco dossier del nuovo Focus in edicola (n.368 giugno 2023). Perché non ti abboni? © focus

Non uguale ovunque. Se infatti gli altri screening sono sostanzialmente omogenei ovunque, per il tumore alla mammella le Regioni applicano i Livelli Essenziali di Assistenza con una certa discrezionalità e così «Il "pacchetto base" prevede una mammografia ogni due anni fra i 50 e i 69 anni, ma poi alcune Regioni estendono fino ai 74 anni, altre anticipano con mammografie annuali fra i 45 e i 49 anni», spiega Giampaolo Bianchini, responsabile della patologia oncologica della mammella presso il Dipartimento di Oncologia medica dell'IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano.

«L'intervallo più corretto sarebbe il più ampio, perché fra i 45 e i 49 anni il rischio di neoplasia aumenta e il beneficio individuale connesso a una diagnosi precoce è indubbiamente rilevante; l'incidenza del tumore poi cresce anche con l'età e così lo screening andrebbe prolungato dopo i 70 anni, perché altrimenti si esclude una popolazione con una probabilità di malattia elevata e un'aspettativa di vita ancora lunga». I programmi di screening vengono "disegnati" tenendo conto dei costi per la collettività e della disponibilità delle risorse, e per questo non sono realizzati allo stesso modo dappertutto; tuttavia è importante limitare i controlli estemporanei di prevenzione spontanea, aderendo invece agli screening previsti perché, come specifica Bianchini, «gli screening indicano la regolarità dei controlli, da fare a cadenza fissa, e soprattutto li inseriscono in un piano che consente di accedere ad eventuali accertamenti di secondo e terzo livello secondo passi successivi già definiti nel percorso, che quindi rendono più semplice l'iter della paziente».

Mammografia o ecografia? «Anche il contesto in cui si esegue l'esame di screening, che è la mammografia, è rilevante», aggiunge Bianchini. «Proprio perché aderire significa inserirsi in un percorso e non fare un test singolo, andare in centri dedicati allo screening implica per esempio poter accedere all'ecografia in caso la mammografia non sia il test più affidabile per il caso specifico.

Un esempio sono le mammelle dense, nelle quali il rischio tumorale è più elevato e la mammografia ha un potere diagnostico inferiore: queste donne devono completare il percorso con un'ecografia, e ciò accade senz'altro in un centro dedicato allo screening, ma potrebbe non essere altrettanto garantito se ci si sottopone al test in maniera autonoma in una struttura che fa mammografie. In una mammella poco densa invece la mammografia ha un altissimo potere discriminatorio e l'ecografia non aggiungerebbe molte informazioni».

I due test possono essere complementari, ma a oggi non ci sono studi scientifici che abbiano dimostrato senza dubbio che unire mammografia ed ecografia riduca maggiormente la mortalità di più rispetto alla sola mammografia: per questo non si sottopongono tutte le donne anche all'ecografia ma, come conclude Bianchini, «nell'ambito dei programmi di screening strutturati viene offerta alle donne che possono trarne beneficio, adeguando l'offerta alle necessità di ciascuna: quel che conta, quindi, è aderire agli screening proposti dalla propria Regione sottoponendosi all'esame nei centri dedicati a questo».

22 maggio 2023 Elena Meli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us