Salute

9 fattori che influiscono sul rischio demenza

Un caso su tre di decadimento cognitivo legato all'età si può prevenire con lo stile di vita, già a partire dall'infanzia: ecco comportamenti e misure che possiamo adottare già da ora.

Non è vero che la demenza senile è una compagna inevitabile dell'età avanzata: in un caso su tre, la si può prevenire. Lo sostiene un rapporto commissionato e pubblicato dall'autorevole rivista medica The Lancet.

Gill Livingston, psichiatra specializzata in demenze presso l'University College London, ha analizzato con i colleghi un'ampia letteratura sul tema, e sviluppato un modello che mostra come i diversi stili di vita adottati a varie età possano ridurre il rischio di deterioramento cognitivo negli anziani.

Merito dello studio è sottolineare come una condizione che creerà disagio in età avanzata possa essere combattuta già a partire dai primi anni di vita e lungo tutto l'arco dell'esistenza, senza che si pensi sia troppo presto, o troppo tardi, per iniziare.

9 regole auree. I nove fattori preventivi individuati sono una maggiore istruzione giovanile, l'esercizio fisico, avere una vita socialmente attiva, smettere di fumare, tenere controllati e contrastare la perdita dell'udito, il diabete, la depressione, l'obesità e la pressione sanguigna. Ciascuno di questi accorgimenti può ritardare l'insorgere di demenza senile o aiutare a prevenirla del tutto.

Con una popolazione mondiale sempre più anziana, il deterioramento cognitivo è uno dei problemi più grandi, per quanto riguarda le politiche sanitarie. Si calcola che 47 milioni di persone nel mondo siano affette da forme di demenza, e che questo numero salirà a 115 milioni di persone entro il 2050.

Spesa astronomica. Nel 2015 il costo globale di questa condizione è stato di circa 818 miliardi di dollari (per l'85% spesi per assistenza familiare e sociale). Si tratta di oltre 700 miliardi di euro. Non in tutti i casi lo stile di vita, da solo, basta a contrastare il decadimento cognitivo: il 7% dei casi di demenza ha origini genetiche. Per gli altri, però, c'è ancora molto che possiamo fare.

24 luglio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us