7 porzioni al giorno di frutta e verdura allungano la vita

Secondo un nuovo studio inglese, per vivere sani e più a lungo bisogna mangiare 7 porzioni al giorno di frutta e verdura e non "solo" 5 come raccomandato finora. E la verdura protegge il nostro organismo più della frutta.

think-
Frutta e verdura allungano la vita (Foto: gerenme/Thinkstock).

Vuoi vivere più a lungo? Mangia almeno 7 porzioni al giorno di frutta e verdura e non soltanto 5 come raccomandano le linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità. E se devi scegliere, scegli la verdura. Ma ricorda: succhi o frutta sciroppata non contano. Anzi, a causa degli zuccheri che contengono, fanno decisamente male.

Lo sostiene una nuova ricerca dello University College di Londra, pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health, che è stata effettuata seguendo (dal 2001 al 2013) le abitudini alimentari di 65.000 adulti di almeno 35 anni di età.

Che frutta e verdura siano un toccasana e allontanino le malattie, non è certo una novità. Ma questo studio statistico dimostra, dati alla mano, che aumentando il consumo di frutta e verdura diminuisce, e di molto, il rischio di morte: addirittura del 42% e a qualsiasi età. In particolare, il rischio diminuisce del 31% per ictus e malattie cardiache, e del 25% per cancro.

Per chi preferisce la verdura, la bella notizia è che carote, insalata e pomodori proteggono il nostro organismo più di pere e mele: una sola porzione di verdura al giorno riduce il rischio di decesso del 12%, mentre una sola di frutta lo riduce del 4%. E ancora: 2 o 3 porzioni al giorno di verdura lo riduce del 19% contro il 10% dell'equivalente dose di frutta.

Insomma, anche se per molti può sembrare difficile raggiungere le famose 7 porzioni giornaliere, il messaggio dei ricercatori inglesi è chiaro: più frutta e verdura si mangia e più ci si allunga la vita. Vale la pena fare uno sforzo, no?

Potrebbe interessarti anche: Perché mangiare alla mensa fa ingrassare di più?

Leggi: 10 cose che forse non sai sul gusto

Guarda

03 Aprile 2014 | Fabrizia Sacchetti