Salute

'500 sanitari uccisi e ancora l'epidemia non è vinta, basta errori e leggerezze' Il mea culpa dell'associazione, anche tra di noi in pochi erano preparati

Report critica 'coalizione globale dell'inazione, in molti hanno sbagliato con conseguenze tragiche'

Milano, 23 mar. (AdnKronos Salute) - Un evento straordinario servito a rivelare al mondo "quanto siano lenti e inefficienti i sistemi sanitari e umanitari nel rispondere alle emergenze". Così, un anno dopo i primi allarmi lanciati sull'epidemia di Ebola, Medici senza frontiere descrive il dramma del virus in Africa occidentale nel rapporto-denuncia 'Pushed to the limit and beyond', 'Spinti al limite e oltre'. Un'analisi critica - ma anche autocritica - in cui la Ong descrive le conseguenze di "una coalizione globale dell'inazione che è durata per mesi mentre il virus si diffondeva sempre più". E l'associazione avverte: "Nonostante la diminuzione complessiva dei casi, Ebola non è ancora finita".

Nell'ultimo anno, ricorda l'organizzazione umanitaria, "più di 1.300 operatori internazionali di Msf e 4.000 operatori locali hanno lavorato in Africa occidentale, prendendosi cura di quasi 5.000 pazienti confermati". Forti di questi numeri "oggi condividiamo le nostre riflessioni - spiega Joanne Liu, presidente internazionale di Medici senza frontiere - e guardiamo con occhio critico sia la risposta di Msf che quella globale alla più grave epidemia di Ebola della storia. Un evento fuori dall'ordinario - denuncia quindi Liu - che ha rivelato quanto siano lenti e inefficienti i sistemi sanitari e umanitari nel rispondere alle emergenze".

L'associazione ha vissuto l'impasse in prima linea: "Alla fine di agosto - raconta - il centro ELWA3 di Msf a Monrovia" in Liberia "era stracolmo di pazienti. Lo staff era costretto a respingere persone visibilmente malate, pur sapendo che sarebbero tornate alle loro comunità e avrebbero potuto infettare altre persone". "L'epidemia di Ebola è stata spesso descritta come una tempesta perfetta: un'epidemia transfrontaliera in Paesi con sistemi sanitari deboli, che non avevano mai conosciuto l'Ebola prima", afferma Christopher Stokes, direttore generale di Msf. "Ma questa è una spiegazione di comodo - precisa - Perché l'epidemia di Ebola andasse a tal punto fuori controllo, molte istituzioni dovevano sbagliare. E così è stato, con conseguenze tragiche ed evitabili".

Nel rapporto, Msf ripercorre le sfide affrontate in un anno di epidemia "in mancanza di trattamenti specifici e risorse sufficienti. Dal momento che l'esperienza di Msf con l'Ebola era limitata a un gruppo relativamente ristretto di esperti, è stato difficile mobilitare in breve tempo più risorse. Di fronte a un'epidemia così violenta e a una risposta internazionale così debole", le equipe "si sono concentrate sul controllo dei danni". E "non essendo in grado di fare tutto sono dovute scendere a compromessi su priorità di pari importanza come la cura dei pazienti, la sorveglianza epidemiologica, le sepolture sicure e le attività di sensibilizzazione, tra le altre".

"Nei momenti più critici dell'epidemia - riporta Liu - le equipe di Msf non erano in grado di ammettere un maggior numero di pazienti o di fornire la migliore assistenza possibile. Tutto questo è stato estremamente doloroso per un'organizzazione di medici volontari e ha portato ad accese discussioni e tensioni all'interno di Msf".

Un "processo di riflessione ancora in corso", puntualizza l'organizzazione, con "l'obiettivo di imparare lezioni che potranno essere applicate a epidemie future, mentre si analizzano i dati dei pazienti per esaminare i fattori che contribuiscono alla mortalità da Ebola". Non solo: "E' fondamentale sviluppare una strategia globale per sostenere la ricerca e lo sviluppo di vaccini, trattamenti e strumenti diagnostici contro l'Ebola".

"Il trauma dell'Ebola - si legge ancora nel rapporto di Medici senza frontiere - ha lasciato persone diffidenti nei confronti delle strutture mediche, operatori sanitari demoralizzati e timorosi di riprendere servizio, comunità in lutto, impoverite e sospettose". Senza contare che "nei tre Paesi più colpiti" e cioè Guinea, Sierra Leone e Liberia, "quasi 500 operatori sanitari hanno perso la vita lo scorso anno, un duro colpo per la già grave carenza di personale prima dell'Ebola. Ripristinare l'accesso ai servizi sanitari è quanto mai urgente ed è il primo passo verso la ricostruzione di funzionali sistemi sanitari nell'area".

"Questa epidemia - denuncia ancora il report - ha brutalmente rivelato gravi fallimenti globali che migliaia di persone hanno pagato con la vita. Da essa dobbiamo imparare lezioni importanti a beneficio di tutti: dalla precarietà dei sistemi sanitari nei Paesi in via di sviluppo alla paralisi e debolezza degli aiuti internazionali".

Intanto "abbiamo ancora una sfida fondamentale da affrontare", ammonisce la Ong. Perché "per dichiarare la fine dell'epidemia è necessario identificare ogni singola persona che sia stata in contatto con un malato di Ebola. Non c'è spazio per errori e leggerezze. Il numero di nuovi casi a settimana è ancora più alto che in qualsiasi precedente epidemia e i casi complessivi non sono diminuiti in modo significativo dalla fine di gennaio. In Guinea il numero di pazienti è di nuovo in aumento; in Sierra Leone presentano il virus molte persone che non erano nelle liste di contatti Ebola conosciuti, e in Liberia si è registrato in questi giorni un nuovo caso, il primo dopo le dimissioni dell'ultimo paziente a inizio mese". La guerra al virus non è stata ancora vinta.

23 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us