Perché e come smettere di fumare Vai allo speciale

31 maggio: World No Tobacco Day 2015

La Giornata mondiale senza tabacco è un invito a smettere, o almeno a spegnere le sigarette per un giorno, e riflettere su ciò che fa il fumo.

Il 31 maggio è la Giornata mondiale senza tabacco: un appuntamento fisso dal 1998, istituito dall'Organizzazione mondiale della sanità per sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi legati al fumo. E come ogni anno si tirano le somme.

 

Un'idea dell'Istituto professionale A. Vespucci di Milano. |

I fumatori nel mondo sono circa 650 milioni: il fumo è responsabile ogni anno della morte di 5 milioni di persone per patologie correlate al tabacco, in particolare cancro, malattie cardiovascolari e respiratorie. Le proiezioni indicano che il numero è destinato a salire: i decessi potrebbero essere 10 milioni nel 2030, se non ci sarà un'inversione di tendenza. Con queste giornate e con le campagne antifumo, l'obiettivo è abbattere il numero dei fumatori del 30% entro il 2025.

 

Dieci sostanze killer nelle sigarette

 

In Europa i fumatori sono circa 4,5 milioni, con 650 mila decessi l'anno direttamente correlabili al tabacco. In base alle statistiche il 50% muore 14 anni prima rispetto all'età media, e chi fuma è in genere affetto per più anni da cattive condizioni di salute (Oms/Who, 2014). Una recente indagine dell'Oms ha aggiunto un altro dato poco confortante: quasi il 30% dei giovani fuma, e le ragazze fumano più delle donne adulte. La ragione sta probabilmente anche nel fatto che le nuove generazioni sono più sensibili alle mode alimentate dalla pubblicità e dal cinema: quindi se un loro "idolo" è uno smoker, ci mettono poco a imitarlo.

 

Buona parte dei nuovi fumatori del mondo arriva dai Paesi più poveri, e questo è uno dei motivi uffiali per cui lo slogan della Giornata mondiale senza tabacco 2015 è "Stop al mercato illecito dei prodotti del tabacco". Occorre prendere atto - e acquisire la consapevolezza - che, col mercato illegale, ai danni già accertati del tabacco se ne aggiungono di imprevedibili, per via delle sostanze aggiuntive usate senza controllo dai produttori illegali.

 

31 maggio 2015 | Sabina Berra